Navigation

Jihadismo in carcere, corsi per agenti di custodia

In Svizzera si cerca di combattere il proselitismo nei penitenziari, ma il fenomeno per il momento non è preoccupante

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2016 - 21:34

Uno dei luoghi privilegiati per svolgere attività di proselitismo di matrice jihadista, come avvenuto per molti degli autori degli attentati di Parigi e Bruxelles, sono le carceri. Per questo motivo il Centro svizzero per la formazione del personale penitenziario ha organizzato un corso per agenti di custodia allo scopo di individuare tempestivamente eventuali potenziali terroristi.

Il rischio di radicalizzazione di delinquenti comuni nelle strutture carcerarie, sostengono le autorità federali, esiste anche in Svizzera, pur non essendo a livelli paragonabili del Belgio o della Francia. Del resto, viene sottolineato, lo scopo principale della detenzione è sempre quello del futuro reinserimento dei carcerati nella società e non cero quello di mettere bombe in aeroporti e metropolitane.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.