Navigation

Segreto bancario nella Costituzione, non si voterà

Gli svizzeri non voteranno sul mantenimento del segreto bancario per i contribuenti indigeni. Il comitato promotore dell'iniziativa popolare "Sì alla protezione della sfera privata" ha infatti ritirato la sua proposta di modifica costituzionale dopo che il parlamento, in dicembre, aveva rinunciato a una molto discussa revisione legislativa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2018 - 21:17
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 09.01.2018)
Un tema molto dibattuto sotto la cupola di Palazzo federale. Keystone


Con la rinuncia definitiva da parte del parlamento alla revisione del diritto penale fiscale, l'obiettivo principale è stato raggiunto e una votazione popolare sarebbe superflua, hanno indicato i promotori dell'iniziativa.

Questi ultimi hanno comunque promesso martedì che rimarranno vigilanti e continueranno a lottare contro qualunque attacco al segreto bancario all'interno del paese.

Il comitato ha ricordato che sono stati gli sviluppi politici e legislativi a portare al lancio dell'iniziativa, nel 2013, che mirava a mantenere - così era stato detto - la relazione di fiducia fra Stato e cittadino. 

Si trattava di una reazione a un progetto di Eveline Widmer-Schlumpf, allora ministra delle finanze, la quale voleva permettere alle autorità tributarie dei cantoni di esigere dalle banche informazioni anche in caso di sottrazione fiscale e non soltanto di frode.

Contenuto esterno

​​​​​​​

21 cantoni avevano sostenuto la proposta fatta propria dal governo federale. Confrontato con un'ondata di critiche a destra, l'esecutivo ha però ritirato il progetto. In dicembre entrambi i rami del Parlamento hanno approvato una mozione che chiede al Consiglio federale di rinunciare formalmente alla controversa revisione. Un passo volto proprio a far sì che l'iniziativa fosse ritirata.

"Dopo l'introduzione dello scambio automatico di informazioni fiscali con l'estero, una sua applicazione anche all'interno del paese sarebbe stato un passo di troppo contro il segreto bancario. Alla luce di ciò l'iniziativa si è resa necessaria", ha detto alla stampa il presidente del comitato d'iniziativa Gehrard Pfister. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.