Navigation

Ai mafiosi stesse pene che ai terroristi

Sempre più spesso, al banco degli imputati del Tribunale penale federale a Bellinzona siedono membri di organizzazioni criminali. RSI-SWI

Un'iniziativa parlamentare depositata giovedì chiede di equiparare in Svizzera le pene per i membri di un'organizzazione criminale a quelle di chi è attivo in gruppi terroristici. Un inasprimento che mira a consentire alla procura federale e ai ministeri pubblici cantonali di lottare più efficacemente contro le infiltrazioni mafiose.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 settembre 2019 - 22:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.09.2019)

Sempre più inchieste mettono in luce un fenomeno a lungo sottovalutato in Svizzera. La punta dell'iceberg fu la scoperta, nel 2014, di una cellula di 'ndranghetaLink esterno attiva da 40 anni nel canton Turgovia.

Attualmente il codice penale -osserva il consigliere nazionale liberale-radicale ticinese Giovanni Merlini, autore dell'iniziativa- prevede per l'appartenenza o il sostegno a un'organizzazione criminale una pena massima di 5 anni, contro i 10 previsti per le organizzazioni terroristiche come Isis e Al Qaeda.

Una disparità che non scompare nel Disegno di legge sull'armonizzazione delle peneLink esterno attualmente proposto dal Consiglio federale (governo).

L'iniziativa chiede di portare la pena massima a 10 anni e mira a una sanzione minima di 3 anni per chi esercita un’influenza determinante in un'organizzazione criminale, come per il terrorismo. "Il fatto che le organizzazioni criminali agiscano più clandestinamente, infiltrando l’economia e infiltrando anche le istituzioni dello Stato in taluni casi", chiarisce Merlini, "non significa che debba essere considerato un minor pericolo" rispetto a chi attacca frontalmente gruppi di persone o le istituzioni. 

Contenuto esterno

Il disegno di legge del governo dovrà essere trattato dalla Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale. Spetterà poi al Parlamento decidere se correggere il tiro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.