Navigation

Nel cda di Stadler Rail l'ex ministra dei trasporti

La questione della presenza di ex membri del governo federale in consigli di amministrazione non è nuova. © Keystone / Gian Ehrenzeller

Doris Leuthard entrerà nel consiglio d'amministrazione del produttore di treni Stadler Rail. La candidatura dell'ex consigliera federale, che per otto anni ha ricoperto l'incarico di ministra dei trasporti, sarà proposta all'assemblea generale del 30 aprile, ha indicato giovedì l'azienda con sede nel canton Turgovia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2019 - 15:20
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del

"Grazie alle sue competenze in materia di traffico e infrastrutture e la sua esperienza politica", ha dichiarato il presidente di Stadler Rail Peter Spuhler, sarà "una risorsa importante per il consiglio di amministrazione".

L'ex consigliera federale. Klaus Andorfer

Doris Leuthard ha rappresentato il Partito popolare democratico in Consiglio federale dal 2006 al 2018. Fino al 2010, ha diretto il Dipartimento federale dell'economia, dal 2010, il Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC. 

In una notaLink esterno, Stadler Rail sottolinea come la candidatura dell'ex ministra rispetti il periodo d'attesa di un anno chiesto ai responsabili politici che lasciano il governo federale per il settore privato.

L'ex consigliera federale fa già parte dei cda di altre aziende, come Coop e Bell.

Contenuto esterno

In settembre, il Consiglio degli Stati (camera alta del Parlamento svizzero) ha respinto un'iniziativaLink esterno della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (camera bassa) che mirava a impedire agli ex consiglieri federali di accettare subito un mandato legato alla loro precedente funzione. Per la maggioranza, è auspicabile che gli ex ministri, specie se giovani, ricomincino un'attività lucrativa ed evitino di pesare sulle finanze federali.

End of insertion

La questione della presenza di ex ministri in consigli di amministrazione non è nuova. In passato aveva suscitato polemiche l'ingresso del socialista Moritz Leuenberger nel cda del numero uno svizzero della costruzione Implenia, poco dopo la sua uscita dal Consiglio federale.

Discussioni erano state provocate anche dal liberale-radicale Kaspar Villiger, membro del Governo sino al 2003: era entrato a far parte del cda di Nestlé l'anno seguente e aveva poi ottenuto mandati da Swiss Re e alla Neue Zürcher Zeitung. Nel 2009, aveva inoltre assunto la presidenza del consiglio d'amministrazione di UBS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.