Navigation

Incontro Mogherini-Burkhalter, prove d'intesa

Le divergenze in ambito istituzionale al centro dei colloqui a Bruxelles

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2016 - 17:35

Le questioni bilaterali Svizzera-Ue sono state al centro dell'incontro odierno tra la commissaria Ue Federica Mogherini e il ministro degli esteri Didier Burkhalter. Oltre al tema della libera circolazione, rimesso in discussione dall'iniziativa UDC del febbraio 2014, a ostacolare nuove intese tra le due parti c'è la cosiddetta questione istituzionale.

In caso di divergenze Bruxelles vuole che l'ultima parola spetti alla Corte europea di giustizia mentre Berna non vuole che siano i giudici a decidere autonomamente e insiste per un intervento della politica nel quadro di comitato misto. Ma per la prima volta c'è da registrare un'apertura formale della Confederazione che accetta l'idea di delegare vertenze di natura interpretativa delle norme a un organo giurisdizionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.