Navigation

Giovani svizzeri per la famiglia tradizionale

Contenuto esterno
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2017 - 21:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 27.10.2017)


Una famiglia e dei figli sono l’obiettivo della maggioranza dei giovani adulti intervistati per un'inchiesta pubblicata venerdì, cui hanno preso parte 50'000 uomini durante il servizio militare e 1'800 donne scelte casualmente. Tra gli interpellati, che hanno tra i 18 e i 24 anni, domina ancora l'immagine del papà al lavoro e della mamma a casa.

I primi nativi digitali sono ormai cresciuti, ma la loro scala di valori non pare molto diversa da quella delle generazioni passate. È in particolare sulle tematiche legate alla famiglia, che i giovani in Svizzera si mostrano conservatori.

Un sondaggioLink esterno di Inchieste federali fra la gioventù ch-xLink esterno evidenzia che il modello di famiglia è quello tradizionale: la maggior parte degli intervistati vuole sposarsi e tre quarti sognano di avere un bambino.

Un’ampia maggioranza degli interpellati vede ancora il maschio come responsabile del sostentamento, mentre il ruolo femminile è associato alla cura della famiglia.

Differenze di genere

Ne deriva un’immagine dell’uomo impiegato a tempo pieno e della donna che lavora a tempo parziale. A favore di tale modello, in particolare nei primi tre anni di vita dei figli, si è espresso il 42% delle donne e il 44 % degli uomini.

Un quarto di entrambi vorrebbe che la donna si occupasse soltanto della casa, e per quanto il 24% delle ragazze e il 19% dei ragazzi può immaginare che sia lui sia lei siano occupati part-time, solo una minoranza concepisce che lei possa lavorare più di lui.

Contenuto esterno


Altri valori

I giovani che vivono in Svizzera sembrano volersi far guidare dall’amore per il prossimo piuttosto che dal potere.

Amici, tempo libero, famiglia e lavoro sono più importanti di politica o religione. Secondo gli autori dello studio, da questi punti di vista negli ultimi 30 anni la situazione non è cambiata molto.

Qualche differenza si nota invece nel tempo libero, per forza di cose: se lo sport, le attività di gruppo e le discoteche sono ancora popolari, praticamente tutti gli intervistati hanno parlato di un uso giornaliero di Internet e dei social media.

Radio e TV sono tuttavia ancora diffusi: tre quarti dei giovani affermano di ascoltare almeno un'ora al giorno la radio e due terzi guardano almeno un'ora di televisione.

Tra i desideri che "restano", anche quello di un lavoro sicuro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.