Navigation

Il primo parlamento dei rifugiati

La prima sessione, che ha riunito 75 rifugiati provenienti da 19 cantoni e 15 paesi. Keystone / Peter Klaunzer

Visite familiari nello spazio Schengen per le persone ammesse provvisoriamente come profughi e un migliore accesso alla formazione: sono alcune delle richieste avanzate nella prima riunione a Berna del parlamento svizzero dei rifugiati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2021 - 08:14
tvsvizzera.it/fra

Dopo la Sessione delle donne e il Parlamento dei giovani, la Svizzera ora ha anche il parlamento dei rifugiati. Domenica. si è tenuta la prima riunione a Berna, con 75 rifugiati, provenienti da 15 Paesi e che abitano in 19 cantoni. I partecipanti hanno avanzato diverse proposte per migliorare la loro situazione.

Visite familiari nello spazio Schengen per le persone ammesse provvisoriamente, un migliore accesso alla formazione e la possibilità di completare l'apprendistato per coloro le cui domande sono state respinte: sono alcune delle richieste avanzate dai partecipanti, indica un comunicato del National Coalition Building Institute (Ncbi), che ha organizzato la riunione.

Il Parlamento dei rifugiati ha anche votato a favore dell'estensione del ricongiungimento familiare ai genitori di bambini già in Svizzera. Secondo l'Ncbi, un'associazione attiva in diversi Paesi e che è "impegnata nella lotta contro la violenza e la discriminazione", si parla troppo spesso di rifugiati senza che essi possano esprimere il loro punto di vista.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.