Navigation

La settimana in Svizzera

La povertà esiste anche in Svizzera, ma è una condizione da cui si esce più spesso che nel resto d'Europa [nella foto, deposito di coperte per i senzatetto a Losanna]. KEYSTONE

La disoccupazione scende sotto il 3%, il razzismo cresce, la povertà esiste ma di solito se ne esce presto. I sacchetti di plastica non si usano quasi più, però uscire dal nucleare costerà caro. Riepilogo di 7 giorni in Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 aprile 2018 - 11:00
tvsvizzera.it/ri

La settimana comincia con la storia di una tentata doppia truffa assicurativa. Fondata una società paravento, un imprenditore si è attribuito uno stipendio di centinaia di migliaia di franchi e nel giro di un mese si è dato malato. Ma non ha funzionato.

Lunedì è stato anche reso noto il rapporto della Commissione federale contro il razzismo, che nel 2017 ha censito 301 casi: un netto incremento. L'ambito in cui si registrano più discriminazioni resta il lavoro, e l'ostilità antimusulmana è in crescita.

Intanto, il tasso di disoccupazione in Svizzera scende a un tasso inferiore al 3%. Non accadeva da quattro anni e non è solo "merito" di un cambiamento di metodo, assicura la Segreteria di Stato dell'economia. "La ripresa è arrivata in ogni settore".

Del resto, per quanto anche in Svizzera esista la povertà, le deprivazione materiale tocca meno persone che nel resto d'Europa e le prospettive di uscirne sono migliori.

Altra, buona notizia della settimana, è che è bastato un prezzo simbolico per ridurre l'uso di sacchetti per la spesa in plastica dell'84% in un solo anno.

Costerà cara, invece, la rinuncia all'energia nucleare decisa in seguito alla catastrofe di Fukushima. Per disattivare le centrali e smaltire le scorie è stimata una spesa di 24,6 miliardi di franchi, 1,1 miliardi in più rispetto alle precedenti analisi di dicembre.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.