Navigation

La settimana in Svizzera

L'elicottero presidenziale USA 'Marine One' atterra a Davos, dove è in corso il World economic forum. Keystone

Il Forum economico mondiale con l'atteso intervento di Trump, la neve che oltre a coprire Davos mette in difficoltà la regione alpina, ma anche il lieto fine per una ricerca archeologica e una disavventura speleologica. È, in pillole, la settimana in Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 gennaio 2018 - 10:59
tvsvizzera.it/ri/Zz

Gli occhi della Svizzera e del mondo erano puntati sul Forum economico mondiale tenutosi a Davos e in particolare su uno dei suoi ospiti, il presidente statunitense Donald Trump. 

Da 100 a oltre 250 centimetri di neve, caduti in pochi giorni in molte zone delle Alpi svizzere. Le precipitazioni, mai così intense in quasi 20 anni, ha provocato tra sabato e lunedì scorsi la chiusura di diverse strade e linee ferroviarie per il pericolo valanghe.

Intanto, a Davos, 4'400 tra poliziotti e soldati entravano in servizio per garantire la sicurezza al WEF, dove mercoledì è stata la giornata dell'Europa. A favore di un vecchio continente forte e integrato, sono intervenuti Merkel, Macron e Gentiloni.

La 'mummia di Basilea', scovata 40 anni fa durante i lavori di restauro di una chiesa, non aveva altro nome. Fino a quando, giovedì, i ricercatori hanno divulgato l'esito delle analisi del DNA: la salma è di una nobildonna del '700, antenata di Boris Johnson.


La settimana non era cominciata bene per un gruppo di otto svizzero-tedeschi rimasti bloccati in una grotta allagata. Le forti piogge hanno ritardato l'intervento dei soccorritori, che li hanno infine tratti in salvo venerdì. Gli sventurati stanno bene.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.