Navigation

In Parlamento il futuro del settore elettrico

Sullo sfondo l'uscita del nucleare e la ricerca di energia pulita, in primo piano, interessi contrapposti nell'industria

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 settembre 2015 - 21:32

Da domani terza settimana di sessione a Berna e seconda maratona prevista per i consiglieri agli Stati (i senatori svizzeri). Dopo la previdenza vecchiaia, è ora il turno della strategia energetica 2050.

Nata come progetto per abbandonare il nucleare, la strategia comprende anche molti altri aspetti, dalla promozione delle fonti rinnovabili all'efficienza energetica.

E potrebbe comprendere anche una tassa per chi importa corrente "sporca" dall'estero. Una tassa che rischia di mettere in ginocchio quelle industrie costrette a consumare molta elettricità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.