La televisione svizzera per l’Italia

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno
Venerdì 17 maggio ricorre la Giornata internazionale contro l'omofobia. KEYSTONE

L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

I diversi numeri telefonici di assistenza istituti per denunciare le ostilità subite da questa comunità hanno ricevuto 305 chiamate nel 2023, praticamente il doppio rispetto a un anno prima. È quanto si apprende da un comunicato congiunto diramato venerdì da TGNS, Pink Cross, l’Organizzazione svizzera delle lesbiche (LOS) e LGBTIQ-Helpline.

“Negli scorsi mesi abbiamo denotato un aumento delle ostilità e subito più violenze, anche in pieno giorno per le strade”, afferma Anis Kaiser, responsabile presso l’organizzazione Transgender Network Switzerland (TGNS). Secondo Kaiser questo “clima avverso viene fomentato da alcuni articoli di stampa ed interventi politici anti-trans”, che possono anche sfociare in gravi ripercussioni per la comunità LGBTIQ+ in Svizzera.

Contenuto esterno

Per rendere attenta la popolazione sulla questione, oggi sulla Piazza federale a Berna squilleranno simultaneamente 305 telefoni, che daranno voce proprio a quelle 305 persone che l’anno scorso si sono rivolte alle diverse helpline istituite per denunciare simili crimini di odio.

+ Quali sono i diritti della comunità LGBTIQ+ in Svizzera?

Giornata internazionale contro l’omofobia

Non a caso per l’azione è stato il 17 maggio. Oggi si celebra la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, volta a sensibilizzare al problema della discriminazione, delle molestie e della violenza che le persone LGBTIQ continuano a subire. La ricorrenza è stata istituita nel 2004.

“Dietro ogni telefono e ogni segnalazione c’è qualcuno che ha dovuto subire un crimine d’odio contro la comunità nel corso dello scorso anno. Con questa azione vogliamo dare una scossa alla politica e alla società: dobbiamo assolutamente agire contro la discriminazione e gli attacchi alle persone LGBTIQ”, dichiara Milo Käser, capo del progetto LGBTIQ-Helpline.

Da anni le associazioni segnalano un aumento dei crimini d’odio e chiedono pertanto l’adozione di misure da parte della Confederazione, dei Cantoni e delle città. “Concretamente, chiediamo misure di prevenzione e sensibilizzazione su larga scala all’interno della società, nonché una formazione delle autorità penali e servizi di assistenza per le vittime e un’adeguata tutela contro la discriminazione verso le persone trans”, afferma Muriel Waeger, co-direttrice della LOS.

Soprattutto insulti verbali

Come detto, le segnalazioni delle ostilità sono in costante aumento. Nel 2020, LGBTIQ-Helpline ha registrato 61 casi, 92 nel 2021, e 134 nel 2022. Circa il 70% dei 305 casi segnalati nel 2023 riguardava insulti verbali, mentre 64 persone (21%) hanno subito una violenza fisica.

Quasi la metà dei crimini d’odio hanno avuto luogo nel Canton Zurigo (131 segnalazioni), seguito da Berna, con 36 casi, San Gallo (27), Argovia (22) e Vaud (14). Il 40% delle segnalazioni sono state fatte da persone trans. Il 15% dei crimini d’odio è stato denunciato direttamente alle autorità.

Queste violenze, che siano fisiche oppure verbali, possono avere conseguenze a lungo termine e chi ne è colpito direttamente spesso subisce forti traumi.

Attualità

vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”
Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR