Navigation

Auto vendute con età ritoccata, 4 fermi

Quattro persone sono state fermate nel Canton Ticino nell'ambito di un'indagine su un rivenditore di veicoli multimarche, le cui tre sedi a Mendrisio, Grancia e Cadenazzo sono state oggetto martedì di perquisizioni e interrogatori. I reati ipotizzati sono di truffa (per mestiere, subordinatamente semplice), falsità in documenti, e abuso delle targhe e delle licenze.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2020 - 21:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (News e Quotidiano del 29 e 30.01.2020)
L'azienda è specializzata nella vendita di veicoli multimarca. RSI-SWI

I quattro, la cui posizione "è al vaglio degli inquirenti", hanno reso notoLink esterno mercoledì il Ministero pubblico e la polizia cantonale, sono un 62enne e una 24enne cittadini italiani residenti nel Mendrisiotto, un 35enne svizzero domiciliato nel Luganese e una 35enne della provincia di Como. Tra di essi vi è il titolare dell'azienda.

Quanto analizzato finora ha consentito di "evidenziare numerosi casi sospetti" (alcune centinaia) in relazione alla commercializzazione di veicoli già immatricolati all'estero e importati in Svizzera per essere rivenduti.

Gli indagati, con diversi gradi di responsabilità, avrebbero omesso di riportare nella documentazione presentata alla Sezione della circolazione [motorizzazione civile] la data della prima immatricolazione, facendo "figurare informazioni non corrispondenti al vero sulla licenza di circolazione e omettendo di informare correttamente il cliente al momento dell'acquisto". 

Contenuto esterno

Un'apposita helpline attivata dalla polizia cantonale, si apprende giovedì, ha già ricevuto oltre 300 telefonate da parte di clienti che, in base alle indicazioniLink esterno diramate, ritengono di poter essere stati danneggiati: dalla prima immatricolazione dipendono i tempi delle garanzie di fabbrica e il deprezzamento.

Contenuto esterno

Sulla cosiddetta 'carta grigia' (licenza) è indicata la prima messa in circolazione del veicolo in Svizzera.

Tuttavia, ha precisatoLink esterno Roberto Bonfanti dell'Unione professionale svizzera dell'auto, i mezzi di ricerca per verificare la correttezza dei dati sulla vettura ci sono, "presso tutti i concessionari di marca, che possono controllare, avendo accesso a tutti i dati", quando "è stata segnalata la garanzia", anche se è iniziata all'estero. 

End of insertion

Al centro del caso ci sono in sostanza le importazioni parallele di veicoli. Un sistema perfettamente legale che si presta però ad alcune insidie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.