Navigation

Immigrazione, maggior rigore ma con giudizio

Il PLR, riunito ad Amriswil, non vuole mettere a rischio i rapporti con l'Ue e la crescita economica

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2015 - 22:23

Forte dei buoni risultati elettorali in cinque cantoni i delegati del Partito liberale radicale si sono riuniti ad Amriswil (Canton Turgovia) dove sono state ribadite le note posizioni su immigrazione e Ue. Da un lato si è auspicato maggior rigore nella politica migratoria ma dall'altro non si vogliono mettere a rischio gli accordi bilaterali con Bruxelles e la crescita economica. In tale ottica il presidente Philipp Müller ha evocato il leggendario villaggio gallico di Asterix, che resiste agli invasori romani, ma che senza Schengen e gli accordi bilaterali non disporrà più gli ingredienti per la pozione magica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.