Navigation

Immigrati, mai così tanti #1

Meno disoccupazione e salati più alti: per la SECO, il bilancio complessivo della libera circolazione delle persone è positivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 luglio 2014 - 20:33

Sempre più persone da paesi in difficoltà arrivano in Svizzera. Secondo i dati della Segreteria di Stato all'economia (SECO), metà degli immigrati proviene da Stati in crisi dell'area mediterranea. I tedeschi rappresentano solo il 15%.

L'anno scorso si sono stabilite nella Confederazione 66'200 persone, la cifra più elevata mai registrata. Dall'entrata in vigore della libera circolazione nel 2002 il numero di persone attive professionalmente è cresciuto di 624'000 unità.

Salari in crescita nonostante i nuovi arrivi. Caso ticinese

Nonostante l'aumento della popolazione, la disoccupazione è diminuita e i livelli salariali sono cresciuti. In Ticino, sebbene l'impiego dei frontalieri sia fortemente cresciuto tra il 2002 e il 2013 (+5,7% all'anno), l'aumento relativo del tasso di disoccupazione è moderato. Tuttavia per la SECO, "la situazione del mercato del lavoro ticinese potrebbe essersi maggiormente deteriorata rispetto alla Svizzera tedesca".

Neo immigrati persone istruite

Lo studio della SECO rivela che i nuovi stranieri sono per il 58% meglio istruiti della media svizzera. Il 15% ha frequentato solo la scuola dell'obbligo. Ciò significa che l'economia richiede gente ben formata ma anche poco qualificata.

Red.MM/ats

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.