Navigation

Immigrati, il Ticino pensa alla clausola di salvaguardia

Illustrata a Berna la proposta che potrebbe salvare la libera circolazione e i rapporti con l'Ue

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2015 - 23:23

Una clausola di salvaguardia flessibile e settoriale per regolare le eventuali distorsioni indotte dall'eccessiva immigrazione. È la soluzione ticinese, illustrata oggi a Berna dal membro del governo cantonale Christian Vitta, all'impasse indotta dall'approvazione nel febbraio dello scorso anno dell'iniziativa UDC contro l'immigrazione di massa che ha rimesso in discussione gli accordi sottoscritti con l'Unione europea, in particolare quello sulla libera circolazione. La speranza per il governo ticinese è che la proposta venga inserita nella legge di applicazione dell'iniziativa popolare su cui si sta adoperando il Consiglio federale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.