Navigation

Il venerdì nero per l'ambiente del Black Friday

Si parla in Europa del raddoppio rispetto alle emissioni settimanali medie, con un passaggio da 600'000 tonnellate a 1,2 milioni di tonnellate di CO2. Keystone / Manuel Bruque

La settimana del Black Friday – il quarto venerdì di novembre dedicato agli acquisti sfrenati – fa la gioia del commercio ma rappresenta un problema ambientale sempre più sentito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2022 - 23:15
tvsvizzera.it/fra

È stato calcolato l’impatto sul clima generato dal picco di consegne dai fornitori e grandi distributori che fanno da intermediari verso chi fa acquisti online o nei negozi.

Transport & environmentLink esterno” – la Federazione europea per i trasporti e l’ambiente – ha analizzato i dati storici delle vendite per calcolare la domanda extra legata al Black Friday. Sulla base di queste informazioni T&E ha calcolato quanti movimenti extra di mezzi pesanti sono necessari in Europa per soddisfare la domanda e di conseguenza le emissioni di CO2 supplementari.

Si parla di una crescita di un raddoppio rispetto alle emissioni settimanali medie, con un passaggio da 600'000 tonnellate a 1,2 milioni di tonnellate di CO2. E solo per quanto concerne i camion che forniscono i rivenditori: andrebbero poi aggiunte le emissioni generate dalla produzione extra dei beni in vendita e dalla consegna finale agli acquirenti.

I mezzi pubblici pensanti elettrici parte della soluzione

T&E rileva che l'inquinamento supplementare in una settimana equivale alle emissioni annuali di tutti i camion in Bulgaria, o a circa 3'500 voli di andata e ritorno da Parigi a New York. D’altro canto, i mezzi pesanti rappresentano, in Europa, il principale mezzo di trasporto merci e due terzi delle emissioni di CO2 in quel settore.

Per il futuro non si intravvede una riduzione di questo traffico. L’unica soluzione pratica evidenziata dalla Federazione riguarda l’obbligo di adottare mezzi pesanti elettrici. Qualcosa in effetti si muove. Amazon ha annunciato che aggiungerà più di 1'500 camion elettrici alla sua flotta europea nei prossimi cinque anni e Deutsche Post DHL ha dichiarato che acquisterà 44 nuovi camion elettrici. Un progresso ritenuto troppo lento. La vera svolta potrebbe essere l’introduzione di una normativa europea.

Contenuto esterno

Il Black Friday e la psiche

Ma perché il Black Friday scatena tutta questa necessità di procedere ad acquisti – ammettiamolo, non sempre utili o necessari – che ha conseguenze così pesanti sull’ambiente in una fascia temporale così ristretta?

Già alcuni anni fa il New York Times interrogava specialisti in materia, rilevando che la corsa all’acquisto stimola la competizione fra esseri umani in corsa per accaparrarsi l’ultimo pezzo disponibile. Ma è anche una forma di condivisione di massa, la partecipazione a un evento che permette di sentirsi parte di un gruppo e di avere uno scopo comune.

Concentrare sconti e promozioni in determinati giorni stimola infine il concetto di scarsità e di conseguenza, pare, la competizione stimolata dal marketing. E anche chi ha disponibilità economiche limitate cerca di soddisfare il bisogno di acquistare oggetti diversamente irraggiungibili.

Eventi come il Black Friday infine sono irresistibili per chi soffre di oniomania, ovvero la sindrome dell’impulso compulsivo a fare acquisti. Un disturbo psicologico che ha un impatto sulla vita di queste persone al di là delle giornate di offerte e sconti, ma che le rende proprio per questo motivo più vulnerabili.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?