La televisione svizzera per l’Italia

“Il piano di pace ucraino, unilaterale, non va lontano”

Ignazio Cassis davanti alla stampa vicino al Palazzo di vetro, sede dell ONU.
Ignazio Cassis davanti alla stampa vicino al Palazzo di vetro, sede dell'ONU. © Keystone / Alessandro Della Valle

Il piano di pace ucraino, che prevede il ritiro totale della Russia da tutte le regioni occupate e il pagamento di riparazioni di guerra, è “interessante, ma non abbastanza buono: le iniziative unilaterali che non ottengono il consenso di entrambe le parti non vanno molto lontano". Così il consigliere federale Ignazio Cassis a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

“Non vogliamo che la guerra s’intensifichi ulteriormente”, ha dichiarato il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Egli ha comunque accolto con favore la proposta di pace in dieci punti che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ribadisce oggi davanti al Consiglio di sicurezza e che ha già ottenuto il sostegno di almeno 140 dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite. Essa prevede il ritiro totale della Russia da tutte le regioni occupate e il pagamento di riparazioni di guerra – condizioni che Mosca non accetterà.

Martedì Cassis aveva indicato che la Svizzera sostiene l’idea di un tribunale per il crimine di aggressione della Russia nei confronti dell’Ucraina. La Corte penale internazionale (CPI) ha emesso in marzo un mandato d’arresto internazionale contro il presidente russo Vladimir Putin, ma non ha la competenza di indagare l’aggressione di Mosca contro Kiev in generale.

Contenuto esterno

Pertanto, tra i diplomatici circola già da mesi l’idea di creare un tribunale speciale come avvenne ad esempio dopo la guerra in Jugoslavia. Per il capo del DFAE una simile corte va però fondata in un quadro multilaterale ampio e con un sostegno internazionale equilibrato.

Alla riunione odierna del Consiglio di sicurezza sull’Ucraina partecipa anche il presidente della Confederazione Alain Berset. La Svizzera fa parte dell’organo fino alla fine del 2024. In una dichiarazione congiunta dei dieci membri non permanenti del Consiglio, resa nota poco prima dell’inizio dell’incontro, Cassis e i suoi nove omologhi hanno ribadito il loro impegno per il multilateralismo.

Essi hanno invitato i cinque membri permanenti a mostrare “moderazione” nell’uso del veto, in particolare per prevenire atrocità di massa. In seguito a una risoluzione presentata dal Liechtenstein e approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, le cinque grandi potenze devono giustificare pubblicamente l’uso di tale strumento.

Nella loro dichiarazione i dieci membri non permanenti hanno pure ribadito la loro richiesta di riforma per rendere il Consiglio di sicurezza “più efficiente” e più rappresentativo nell’affrontare le sfide in materia di sicurezza internazionale.

Presenza della Russia illegittima

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che la presenza della Russia al Consiglio di Sicurezza è “illegittima”, e “il potere di veto in mano all’aggressore è quello che ha spinto l’Onu in questa situazione di stallo”. Parlando al summit del Cds sull’Ucraina, Zelensky ha sottolineato che “in caso di atrocità di massa il potere di veto dovrebbe essere sospeso e l’Assemblea Generale Onu dovrebbe avere il potere di superare il veto”.
 

Attualità

Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia
Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR