La televisione svizzera per l’Italia

Il miraggio dell’alloggio in Svizzera

Il complesso immobiliare in corso di realizzazione a Leutschenbach (Zurigo).
Il complesso immobiliare in corso di realizzazione a Leutschenbach (Zurigo). Keystone / Ennio Leanza

La ricerca di un appartamento, a prezzi accessibili, è diventata un’impresa titanica, Emblematico il caso di Zurigo.

Nell’agglomerato di Zurigo (ma non solo) la continua crescita demografica ed economica ha creato pesanti ripercussioni sul mercato immobiliare. La penuria di alloggi e la lievitazione dei prezzi sono una costante cui sono confrontati i e le comuni cittadine.

Contenuto esterno

Per attenuare il problema le autorità comunali cercano di promuovere l’edificazione di appartamenti a canoni moderati, ma le superfici disponibili di proprietà pubblica sono sempre più esigue mentre il prezzo dei terreni privati è proibitivo.

Il grande complesso immobiliare, in corso di realizzazione a Leutschenbach su iniziativa delle autorità comunali, è un esempio di questa politica condotta nella città sulla Limmat.

I 370 appartamenti, che dal prossimo autunno ospiteranno oltre un migliaio di inquilini, sono destinati principalmente alle famiglie e alle persone anziane: la media di 30 metri quadrati corrisponde a una superficie inferiore rispetto a quella in uso nella città ma il fine compensa ampiamente la relativa esiguità degli spazi.

La richiesta però è enorme e progetti di questo tipo non possono certo coprire la domanda. È quindi inevitabile, prima o poi, coinvolgere in vari modi i privati ma naturalmente i costi sono differenti e non accessibili a tutti.

Inoltre, osservano le autorità, è indispensabile garantire nelle aree di nuova edificazione tutti i servizi accessori, come scuole, trasporti pubblici, strade, offerte per il tempo libero. Anche questi hanno un costo da tenere in conto prima di promuovere iniziative analoghe.

Attualità

Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR