Navigation

Dieci giorni d'attesa per un funerale

Keystone / Salvatore Di Nolfi

Il canton Ginevra, fortemente colpito dalla secondo ondata pandemica, si trova in difficoltà nel gestire i decessi, una cinquantina da inizio mese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2020 - 10:14

Secondo un’inchiesta del quotidiano 'La Tribune de Genève', i tempi di attesa per un funerale sono più che raddoppiati nella città di Ginevra e arrivano oramai a dieci giorni. Il personale scarseggia, colpito lui stesso dal virus, e nessun rinforzo è giunto da altri settori del comune.

La situazione è particolarmente critica anche per quanto riguarda lo spazio dove mettere i feretri. Alcuni defunti sono stati trasferiti nella grande cella frigorifera dell’ospedale universitario, dove però le famiglie non possono recarsi.

Secondo gli addetti ai lavori, continuando di questo passo, novembre supererà il mese di aprile quando ci fu il picco dell'epidemia. Allora i due maggiori centri funerari si erano occupati di oltre 400 defunti. Gli scorsi anni, nello stesso periodo, se ne contavano circa 250.

Vediamo il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.