La televisione svizzera per l’Italia

I lavoratori svizzeri più insoddisfatti, ma pochi cercano un nuovo impiego

persona davanti a un computer
Cresce la proporzione di persone che in Svizzera sono insoddisfatte del loro lavoro. Keystone / Gaetan Bally

L'insoddisfazione aumenta tra i e le dipendenti nella Confederazione. Spesso manca anche un legame emotivo con il datore di lavoro, ma solo in pochi vogliono cambiare impiego.

Solo poco più della metà (54%) dei lavoratori e delle lavoratrici in Svizzera sono soddisfatti del loro lavoro e si sentono fiduciosi.

È quanto emerge da un sondaggio internazionale della società di consulenza Gallup pubblicato mercoledì. Per lo studio, sono state intervistate quasi 130’000 persone in 145 Paesi, di cui un migliaio in Svizzera.

Oltre a una proporzione elevata di insoddisfazione, la Svizzera si distingue per un altro dato: nemmeno una persona su dieci è emotivamente legata alla sua impresa, cosa che colloca la Confederazione agli ultimi posti in Europa.

Allo stesso tempo, la disponibilità degli svizzeri e delle svizzere a cercarsi un’altra occupazione è bassa: solo una persona su cinque è alla ricerca di un nuovo posto, sebbene il 48% ritenga che questo sia un buon momento per trovare una nuova posizione.

“La grande maggioranza dei lavoratori e delle lavoratrici in Svizzera è soddisfatta del proprio tenore di vita, ma a differenza di chi lavora in Germania o in Austria non percepisce un boom nel mercato del lavoro”, afferma Marco Nink, dirigente di Gallup, citato in un comunicato. Va peraltro detto che con un valore del 54% la soddisfazione risulta sì essere in calo, ma è comunque ancora più alta della media dell’Europa, che presenta punte dell’83% in Finlandia, del 77% in Danimarca, del 76% in Islanda e del 71% nei Paesi Bassi.

Anche a livello di pressione sul posto di lavoro la Svizzera risulta messa meglio: il 30% dei dipendenti si dichiara stressato, quota inferiore a quella dell’Europa nel suo insieme (37%) o della Germania (41%). “I dati suggeriscono che gli alti livelli di tensione sono ben bilanciati nelle aziende”, osserva Nink. Meno stress significa anche meno irritabilità e conflitti sul posto di lavoro, conclude l’esperto.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR