Navigation

I cambiamenti della borsa di Zurigo

Oggi, con 27mila transazioni al secondo, sarebbe impensabile tornare al vecchio sistema

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2016 - 20:39

Esattamente 20 fa, nell'agosto del 1996, la Borsa svizzera completava una rivoluzione che era anche una prima mondiale: il passaggio alle contrattazioni effettuate in modo interamente elettronico. Sparivano così gli operatori fisicamente presenti nel ring e che fino ad allora avevano negoziato i titoli gridando. E oggi il gruppo SIX, che gestisce la borsa, si prepara anche per il prossimo cambiamento: nel 2017 abbandonerà infatti l'attuale edificio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.