Navigation

I calzettoni delle guardie del Papa prodotti da uno svizzero

Commessa del Vaticano a René Tanner per la confezione di 120 indumenti del corpo elvetico a Roma

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2016 - 21:56

Un giorno ha impacchettato due lunghi calzettoni confezionati con le sue mani e li ha inviati per posta, destinatario il Vaticano, "all'attenzione del Comando delle guardie Svizzere". E alla seconda email gli è giunta la risposta che attendeva: l'ordine per 120 calzettoni che indosseranno i soldati a difesa dell'incolumità del pontefice.

È quello che è successo al sarto René Tanner che fino a qualche mese produceva indumenti per carcerati e associazioni sportive, ma che ora, visto il recente successo, vuole fare l'ultimo salto con l'asticella posta molto più in alto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.