La televisione svizzera per l’Italia

Grappa fatta in casa, il Parlamento va contro il Governo

Distillato che esce da un alambicco.
Per alcuni è oro trasparente. KEYSTONE/© KEYSTONE / CHRISTIAN BEUTLER

Dopo la Camera bassa, anche il Consiglio degli Stati ha approvato una mozione a favore dei piccoli produttori di grappe e altri distillati fatti in casa, penalizzati dalle nuove norme.

La grappa fatta in casa, secondo un atto parlamentare di Fabio Regazzi (Centro) adottato dalle Camere, è una tradizione da preservare e valorizzare ma i requisiti per poter distillare in proprio, senza fini commerciali, oggi sono troppo severi.

Tradizione da recuperare

Stando al parlamentare ticinese la distillazione è una tradizione tramandata da generazioni e legata alla cultura contadina, praticata in distillerie domestiche o consortili nelle quali proprietari di piccoli vigneti o di poche piante da frutta trasformano i propri prodotti.

Altri sviluppi

Ma, con l’entrata in vigore del nuovo articolo della Legge sulle bevande alcoliche, è stata de jure abrogata – a detta del “senatore” ticinese – la possibilità per i piccoli produttori, inclusi quelli che possiedono una concessione privata valida, di far capo alle distillerie domestiche.

Secondo l’ordinanza le concessioni per la distillazione sono autorizzate infatti solo a distillerie professionali, distillerie per conto di terzi, o distillerie agricole, escludendo quelle dei piccoli produttori poiché non rientrano sotto la definizione di gestore di azienda agricola.

“Le nuove norme sono ininfluenti”

Nella sua replica in cui chiedeva di respingere la mozione, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha sottolineato che – da un controllo dei criteri di attribuzione dello statuto di agricoltore con concessione per distillare – è emerso che in Ticino fra le 121 persone classificate come agricoltori, la metà non dispone più del minimo di superficie agricola (300 metri quadrati ossia un campo da tennis), necessaria al mantenimento dello statuto in questione.

Non disponendo più del diritto di distillare, per trasformare la loro produzione esse devono ora recarsi presso uno dei tre distillatori per conto di terzi o presso uno dei 63 consorzi del Canton Ticino, così come già fanno 3’354 altri piccoli produttori e agricoltori ticinesi che non dispongono di una concessione.

+ La prugna “Löhr” designata frutto dell’anno 2023

Tale sistema, secondo la consigliera federale sangallese, ha dato buoni risultati e corrisponde ai bisogni concreti. Ne è prova il fatto che l’anno scorso soltanto 20 dei summenzionati 121 agricoltori hanno utilizzato il proprio alambicco.

A detta della consigliera federale, il vero pericolo per questa tradizione non è dovuto alle nuove disposizioni ma al fatto che le nuove generazioni sembrano meno interessate a questo tipo di attività. Tutte argomentazioni che non hanno però fatto breccia in Parlamento.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR