Navigation

Svizzera l'economia più competitiva

Contenuto esterno


Per il nono anno consecutivo, la Svizzera è il Paese con l’economia più competitiva al mondo secondo il Forum economico mondiale (WEF). Invariato, rispetto al 2016, il quintetto in testa alla graduatoria, con la sola differenza che gli Stati Uniti guadagnano la seconda posizione a scapito di Singapore. Olanda e Germania restano quarta e quinta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2017 - 13:20
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 27.09.2017)

Nel Global competitiveness report 2017-2018Link esterno, pubblicato mercoledì, la Cina ha conseguito il risultato migliore tra le cinque maggiori economie emergenti (il cosiddetto BRICS, che comprende anche Brasile, Russia, India e Sudafrica): 27ma posizione. Da segnalare pure un balzo in avanti di Israele, dalla 24 alla 16. 

Lo studio prende in esame il sistema di istruzione, le dimensioni del mercato, gli standard tecnologici, le culture aziendali, l’efficienza del mercato del lavoro e altri fattori (in totale 12) che contribuiscono alla produttività e alla prosperità di un Paese. In totale, sono valutati oltre 130 Stati.

Contenuto esterno

Il punteggio più alto mai conseguito

La Svizzera, che ha conseguito il suo miglior punteggio da quando esiste l’indice nel 2009, si distingue tra l’altro per la sua capacità di innovazione e un mercato del lavoro "valutato come il meglio funzionante a livello globale", scrivono gli autori.

La Confederazione è scesa al quarto posto (perdendone uno) nell’istruzione superiore e ha lasciato alla Nuova Zelanda il primato nella prontezza tecnologica, ma ha registrato un netto progresso negli ambiti salute ed istruzione primaria.

L’alta flessibilità dell’economia, apparentemente, non si scontra con la tutela dei diritti dei lavoratori, per la quale la Svizzera ha ottenuto una buona valutazione. Anche Danimarca, Norvegia, Svezia e Olanda sono risultate brave a conseguire entrambi gli obiettivi.

A livello globale, ripresa incerta

Gli autori dello studio hanno rilevato tre elementi problematici, per la competitività e la produttività: un settore finanziario instabile, la debole tutela dei diritti dei lavoratori e investimenti sbagliati.

Il sistema finanziario non si è ancora ripreso dallo choc della crisi del 2017, scrivono. Mercati stabili sono il presupposto per investimenti e innovazione.

Nei mercati del lavoro non regolamentati, la competitività può migliorare a condizione che la flessibilità sia combinata con un'adeguata tutela dei diritti dei lavoratori, si legge nel rapporto. "A causa dell'attesa eliminazione di massa dei posti di lavoro provocata dall'automazione e dalla robotizzazione, sarà importante creare strutture resistenti e sostenere i lavoratori durante le fasi transitorie".

Vi è poi uno squilibrio tra l'enorme investimento nelle nuove tecnologie da una parte e la mancanza di iniziative che ne attuino l'uso in larga misura dall'altra. Anche questo è una barriera all'aumento della produttività.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.