La televisione svizzera per l’Italia

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.
Manifestanti eritrei sulla Piazza federale. Keystone / Peter Schneider

Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Circa 800 persone si sono riunite sabato sulla Piazza federale di Berna, da cui hanno poi sfilato per la città per manifestare a favore dei diritti della comunità eritrea in Svizzera che si oppone al regime di Asmara.

Secondo gli organizzatori il numero delle e dei partecipanti alla manifestazione, indetta da diverse associazioni africane nella Confederazione e dalla rete di solidarietà con i migranti (Migrant Solidarity Network), era superiore a 2’000.

Passaporto contestato

Una delle principali richieste espresse dalle e dai dimostranti ha riguardato l’abolizione del requisito del passaporto per l’ottenimento dei documenti per risiedere in Svizzera.

Attualmente le e gli eritrei con statuto F che vogliono richiedere l’autorizzazione per la dimora (permesso B), il matrimonio o il ricongiungimento familiare, sono tenuti a presentare un passaporto eritreo valido che pochi di loro, in quanto oppositori espatriati al regime, hanno.

+ Cosa c’è dietro agli scontri interni alla diaspora eritrea?

Alla dimostrazione sono state contestate anche le condizioni imposte dall’ambasciata del Paese africano a Ginevra, ritenute irragionevoli e illegali.

Una di queste riguarda in particolare il fatto che chiunque richieda un passaporto viene costretto a firmare una dichiarazione di pentimento, con cui si ammette di essere stati sleali al regime eritreo e si accettano possibili sanzioni in caso di ritorno in patria. Un requisito ritenuto in palese contrasto con la Costituzione elvetica.

Critiche ai respingimenti

Le e i partecipanti alla mobilitazione hanno anche chiesto alle autorità svizzere di non consentire alcuna estradizione di cittadine e cittadini eritrei, nemmeno verso altre nazioni come il Ruanda.

In proposito alle Camere federali è stato votato recentemente un atto parlamentare con cui si vuole accelerare l’espulsione verso paesi terzi delle e dei profughi eritrei cui è stato negato da Berna il diritto d’asilo. In questi Stati le persone respinte dovrebbero svolgere presso le rappresentanze diplomatiche eritree le pratiche per il loro rimpatrio.

Nel corso della manifestazione le e i dimostranti hanno anche lanciato critiche al presunto razzismo e ai discorsi d’odio veicolati in determinati ambienti della politica elvetica.

Il cordone di polizia attorno alla Bundesplatz ha contribuito ad evitare scontri tra opposte fazioni di eritrei (tra i rifugiati si è infatti constatata la presenza di elementi fedeli al regime di Asmara), come peraltro avvenuto in più occasioni negli scorsi mesi.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR