Navigation

Lavori ma non ti pago

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2019 - 17:00
Oscar Acciari e Simon Brazzola

Viaggio nel mondo del lavoro ticinese dove non sono rare le situazioni di abuso e dumping salariale, soprattutto ai danni della manodopera non qualificata proveniente dal Nord Italia.

Una signora ticinese si presenta per un impiego come cameriera in un bar del Mendrisiotto (Ticino). Il gerente le sottopone un contratto al 50% e la invita a firmare, aggiungendo che ovviamente il lavoro sarà al 100%. La donna sconcertata decide di raccontare la vicenda a Falò.

È l’inizio di un viaggio dentro la ristorazione che ci ha portato alla scoperta di una realtà preoccupante. Le offerte di lavoro indecenti, secondo diverse stime nel settore, sarebbero attorno al 30% del totale.

Ma ci sono anche altre attività del mondo economico ticinese, dove sembrano diffuse diverse forme di lavoro non remunerato: si va dalle ore straordinarie non pagate, alle trasferte non considerate tempo di lavoro, alle prove di lavoro gratuito prolungate.Una realtà spesso oscura, perché i dipendenti a volte accettano le condizioni proposte pur di avere il lavoro o per il timore di perderlo.

Insomma un mondo del lavoro sempre più precario nonostante l’adozione di strumenti per limitare il dumping salariale e la concorrenza sleale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.