Navigation

Contro il razzismo è una lotta quotidiana

In aumento le segnalazioni di episodi in spazi pubblici. RSI-SWI

La discriminazione razziale si manifesta in tutti gli ambiti della vita quotidiana e va combattuta con il contributo di tutti: è quanto ha ricordato giovedì in Svizzera la Commissione federale contro il razzismo, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2019 - 13:30
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 21.03.2019)

A dimostrazione che non si tratta di "un concetto astratto, ma una realtà", la CFR riprende alcuni risultati dell'indagine Convivenza in SvizzeraLink esterno, pubblicati in febbraio dall'Ufficio federale di statistica UST.

Il maggior numero di episodi di discrinazione razziale si verifica nel mondo del lavoro (50%). Seguono gli spazi pubblici (25%), la scuola (19%), la ricerca di un alloggio (10%) e il tempo libero (7%). Risultati che "confermano quanto già osservato sul terreno, nei consultori cui si rivolgono le persone che si sentono vittima" di discriminazione razziale.

RSI-SWI

Quasi il 60% degli svizzeri, sempre secondo l'indagine, è consapevole che il razzismo è un fenomeno da non sottovalutare in Svizzera come altrove. La Giornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale, conclude una notaLink esterno, non basta certo a risolvere il problema, ma permette di ricordare che tutti possono contribuire a prevenirlo e combatterlo.

46 casi riportati dai media 

Nel 2018, i mezzi d'informazione svizzeri hanno riportato 46 episodi di razzismo. La cifra è leggermente superiore a quella degli anni precedenti, ma secondo la Fondazione contro il razzismo e l'antisemitismo (GRA) e la Società per le minoranze in Svizzera (GMS) i casi che sfuggono ai giornalisti sono molto più numerosi.

Le due organizzazioni, precisa un comunicatoLink esterno diramato giovedì, ricevono quasi ogni giorno segnalazioni di contenuti razzisti su Internet, incluse le reti sociali, o conversazioni WhatsApp; così come di insulti o discriminazioni nella ricerca di un lavoro o di un alloggio.

Contenuto esterno

I messaggi includono dichiarazioni di personaggi pubblici sui social network e incitano all'odio contro stranieri, neri, musulmani, ebrei e omosessuali. Nel complesso, pochi degli episodi segnalati a GRA e GMS vengono denunciati agli organismi competenti.

Per una lotta efficace contro il razzismo e la xenofobia, le due organizzazioni ritengono indispensabili la prevenzione e l'educazione nelle scuole, nonché il coraggio civile e delle dichiarazioni politiche chiare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.