Navigation

Gastrosuisse contro il turismo della forchetta

Nel settore della ristorazione, sarebbero stati persi 25'000 posti di lavoro in 5 anni; colpa, ma non solo, del franco forte che spinge la clientela all'estero

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 agosto 2015 - 20:28

Per la federazione di categoria Gastrosuisse, nel settore della ristorazione in Svizzera sarebbero stati persi oltre 25'000 posti di lavoro in 5 anni. Una recessione che sarebbe dovuta, tra l'altro, al franco forte, che rende molto più conveniente per i cittadini elvetici andare a mangiare all'estero.

Nel solo 2015, afferma il presidente di Gastrosuisse Casimir Platzer intervistato dal Sonntagsblick, i ristoranti svizzeri perderanno 5 miliardi di franchi a causa del turismo della forchetta. D'altra parte, spiega, i ristoratori elvetici devono pagare molto di più dei concorrenti stranieri per i prodotti, e non hanno alcuna possibilità di competere.

Ecco allora che Gastrosuisse pensa di lanciare un'iniziativa popolare. Ma di cosa si tratta?

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.