La televisione svizzera per l’Italia

Fusione UBS-Credit Suisse sarà effettiva tra una settimana

facciate edifici UBS e credit suisse
Dalla fusione nascerà un colosso con una somma di bilancio pari a due volte il prodotto interno lordo della Svizzera © Keystone / Georgios Kefalas

Le due banche hanno comunicato lunedì che il completamento formale dell'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS sarà portato a termine il 12 giugno.

L’operazione dovrà ancora essere avallata dalla SEC, l’autorità statunitense di vigilanza dei mercati finanziari. Altre autorità americane, come la Federal Reserve, hanno però già dato il loro assenso e lo stesso hanno fatto in Europa la Commissione Europea e la Banca d’Inghilterra.

Al più presto il 13 giugno le azioni Credit Suisse dovrebbero quindi sparire dalla borsa svizzera: in una nota odierna il gestore SIX ha già approvato il passo. A Wall Street il cosiddetto delisting potrebbe avvenire già il giorno prima, se l’acquisizione andrà in porto prima dell’apertura del mercato.

Tutto secondo i piani

L’acquisizione della seconda più grande banca elvetica da parte del numero uno del settore sembra quindi andare secondo i piani: UBS aveva annunciato di voler portare a termine l’operazione nel secondo trimestre e i dirigenti avevano poi precisato un termine fra fine maggio e inizio giugno.

L’operazione era stata annunciata di domenica, il 19 marzo, ed era volta a preservare Credit Suisse da un tracollo: l’istituto era alle prese con una grave crisi di fiducia che aveva portato a massicci deflussi di denaro da parte dei clienti. Quel giorno esponenti del Consiglio federale, della Banca nazionale svizzera (BNS), dell’Autorità federale di vigilanza dei mercati finanziari (Finma) e di UBS annunciarono l’acquisizione.

+ Quello che serve per fondere due colossi bancari

Per rilevare il concorrente UBS ha accettato di pagare 3 miliardi di franchi e di assumersi eventualmente 5 miliardi di perdite. Da parte sua lo Stato ha messo sul tavolo 259 miliardi, fra aiuti di liquidità della BNS (200 miliardi e altri 50 prima del 19 marzo) e garanzie della Confederazione (9 miliardi).

Un ‘no’ del Parlamento che non cambia nulla

L’operazione è stata effettuata al di fuori del normale quadro legale vigente (che pure prevedeva norme per i casi di istituti too big to fail, troppo grandi per fallire), in virtù del diritto di necessità, cioè quanto la Costituzione prevede per i casi come quello di una guerra: i proprietari dei due istituti, gli azionisti, non hanno avuto nulla da dire. Allo stesso modo il parlamento elvetico ha bocciato l’operato del Governo: riunito in sessione straordinaria in aprile ha respinto (a causa del voto negativo del Consiglio nazionale) i crediti di impegno di 109 miliardi chiesti dall’esecutivo.

Il no dei rappresentati del popolo non ha però in pratica avuto effetto, visto che il Consiglio federale aveva già sottoscritto accordi vincolanti, dopo aver ottenuto il via libera della Delegazione delle finanze del parlamento. Una procedura perfettamente legale, aveva sostenuto la consigliera federale Karin Keller-Sutter. Il tutto sarà ora messo al vaglio di una commissione parlamentare d’inchiesta.

+ Intervista a Sergio Ermotti

Interessanti sono anche gli aspetti finanziari della vicenda, in particolare dopo che è emerso come UBS pianificasse da anni il rilevamento del concorrente. Il valore attuale degli attivi di CS supera infatti di gran lunga i 3 miliardi del prezzo d’acquisto: dalla documentazione inviata a metà maggio alla SEC emerge che UBS si aspetta di realizzare nell’acquisizione un utile contabile di 35 miliardi di dollari (32 miliardi di franchi al cambio attuale). Al di là del profitto immediato, si tratta comunque di far rendere in futuro quello che rimarrà di un istituto che – alle prese con vari problemi – era in perdita. A questo proposito il Ceo di UBS Sergio Ermotti ha parlato di inevitabili dolorosi tagli del personale.

Anche dopo il ridimensionamento – UBS vuole in particolare comprimere le attività di investment banking di CS – la nuova entità avrà dimensioni enormi se comparate con quella della Svizzera, che nel 2022 ha registrato un Pil di circa 770 miliardi. Sommando i bilanci di fine 2022 dei due istituti si arriva infatti a 1’635 miliardi di franchi. Sul fronte politico c’è quindi chi preme affinché UBS ceda dei comparti. Ma secondo Ermotti – alla testa di una banca salvata dallo stato nell’ottobre 2008, nel pieno della crisi finanziaria – più che la grandezza contano il modello d’affari e i rischi che vengono assunti.

Attualità

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR