Navigation

Gli abitanti di Bondo tornano a casa

I 46 abitanti della "zona rossa" di Bondo, evacuata dopo la frana del pizzo Cengalo del 31 agosto, hanno potuto tornare a casa sabato. Solo alcuni edifici rimangono ancora off-limits, ma il paese sta ritornando lentamente alla normalità.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2017 - 19:56
tvsvizzera.it/Zz con RSI (Quotidiano del 04.11.2017)
Contenuto esterno


Le case di Bondo sono al sicuro grazie alle opere di premunizione e lo svuotamento bacino di contenimento. La “zona rossa”, ovvero l’area dov’era considerato ancora pericoloso abitare, non è più tale e anche gli ultimi dei 142 sfollati in seguito alla frana del 31 agosto in Val Bregaglia, nel canton Grigioni, hanno potuto rincasare. 

Alcuni edifici, tuttavia, sono ancora inagibili e non bisogna andare in cantina se dovessero esserci altre colate di fango. Queste ultime sono però improbabili. Il freddo, infatti, trasformerebbe in neve eventuali precipitazioni. 


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.