La televisione svizzera per l’Italia

Fotovoltaico ed eolico non bastano per la transizione energetica

pannelli fotovoltaici e turbina eolica
Per gli autori della ricerca, la domanda futura di elettricità è sottostimata e il fotovoltaico e l'eolico non basteranno per soddisfarla. KEYSTONE

In Svizzera far capo alle turbine eoliche e al fotovoltaico per passare all'elettrico non sarà sufficiente, secondo uno studio del Politecnico federale di Losanna.

“Se vogliamo avere un approvvigionamento energetico sicuro in Svizzera nel 2050 avremo bisogno di molto di più di quanto la maggior parte dei politici e delle autorità suppongano oggi”, afferma Andreas Züttel, professore di chimica fisica del Politecnico federale di Losanna (EPFL), citato dal settimanale SonntagsZeitung.

L’accademico e altri tre ricercatori mostrano cosa ciò significhi in concreto. La conclusione è che, seppur importanti nella transizione energetica, i pannelli solari e gli impianti eolici non basteranno per elettrificare il trasporto su strada e sostituire i sistemi di riscaldamento a nafta con pompe di calore. Stando alla ricerca, una volta eliminate le vecchie centrali nucleari saranno necessarie sei grandi centrali, oltre agli impianti idroelettrici esistenti, per fornire la cosiddetta energia di banda, cioè la corrente che fluisce in modo continuo e non solo quando splende il sole o soffia il vento.

+ Come immagazzinare l’energia di domani? Alcuni esempi di tecnologie sviluppate in Svizzera

L’equivalente di sei centrali nucleari

Nel modello di Züttel, per semplicità, queste sei centrali hanno tutte la stessa dimensione: ognuna di esse dovrebbe produrre nell’arco dell’anno una quantità di elettricità pari a quella generata oggi dalla centrale atomica di Gösgen. In totale, da sole dovrebbero generare quasi tutta l’elettricità di cui la Svizzera ha attualmente bisogno ogni anno, in modo che in futuro tutte le automobili e centinaia di migliaia di pompe di calore possano essere alimentate dall’elettricità. Alle sei centrali di base se ne aggiungerebbero altre due – per un totale di otto – che servirebbero come riserva.

Gli autori dello studio giungono a questa conclusione per due motivi. In primo luogo, ritengono che la domanda futura di elettricità sia superiore a quella delle stime, per esempio quelle avanzate dal Governo svizzero. In secondo luogo, Züttel e i coautori della ricerca sono convinti che la domanda futura di stoccaggio dell’elettricità sia sottovalutata dalle autorità e in particolare dalla lobby del solare. “L’olio da riscaldamento e la benzina possono essere immagazzinati quasi all’infinito”, spiega lo specialista. “I combustibili fossili sono quindi sempre disponibili esattamente quando ne abbiamo bisogno”.

Sette diverse tecnologie da prendere in considerazione

La ricerca indica sette diverse tecnologie che potrebbero essere prese in considerazione per le centrali: impianti alimentati a idrogeno, nuove centrali nucleari, nuovi fonti idroelettriche e altro ancora. È anche possibile combinare diverse tecnologie in un’unica centrale elettrica: ad esempio diversi impianti solari potrebbero essere combinati con un nuovo bacino idroelettrico per formare una centrale elettrica, in modo che le turbine possano fornire elettricità quando le nuvole bloccano il sole.

Gli autori hanno confrontato i costi delle varie centrali e sono giunti a una conclusione che la SonntagsZeitung giudica sorprendente: a 8 centesimi per chilowattora una nuova centrale nucleare fornirebbe l’energia di banda di gran lunga più economica. I ricercatori hanno incluso nei loro calcoli i costi di investimento per la costruzione e gli oneri operativi e di smantellamento.

“Per garantire la comparabilità, nei calcoli abbiamo fissato i costi di investimento tre volte superiori agli attuali oneri di costruzione di una centrale atomica”, afferma Züttel. Il professore sottolinea di non voler promuovere nuove centrali nucleari. A suo avviso i reattori nucleari convenzionali non sono più adatti, ma entro il 2050 sarà possibile costruire un reattore al torio: un piccolo prototipo è già in funzione in Cina e questa tecnologia era già oggetto di ricerca negli anni ’70. I reattori al torio non richiedono uranio e non presentano molti dei problemi delle centrali nucleari convenzionali, in particolare non lasciano praticamente scorie radioattive di lunga durata.

Attualità

vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”
Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR