Navigation

Fisco, altre 5 banche svizzere sottoscrivono accordo con USA

Sono 74 in totale gli istituti di credito che hanno appianato le divergenze con gli Stati Uniti

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2015 - 20:24

Altre cinque banche svizzere hanno raggiunto un accordo con le autorità statunitensi nella vicenda dei contenziosi fiscali. Si tratta della Banca cantonale vodese (BCV), J. Safra Sarasin, Coutts, Gonet e la Banca cantonale vallesana (BCVS). Complessivamente sono quindi 74 gli istituti di credito che hanno appianato le divergenze con gli Stati Uniti in questo contesto.

Per non essere ulteriormente perseguiti penalmente le cinque banche in questione pagheranno una multa di circa 220 milioni di dollari, indica il Dipartimento di giustizia americano (DoJ) in un comunicato diffuso giovedì. L'importo più alto di 85.8 milioni di dollari sarà pagato dalla J. Safra Sarasin. L'istituto con sede a Basilea deteneva 1275 conti in relazione con gli USA e amministrava un patrimonio di 2.2 miliardi di dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.