Navigation

Fisco, "altre banche si accordino con gli USA"

L'organo di sorveglianza FINMA critica l'operato della BSI, che ha comunque raggiunto un'intesa con la giustizia americana

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2015 - 20:46

L'accordo raggiunto ieri tra la giustizia americana e la BSI, che prevede il pagamento di una multa di 221 milioni di franchi per scongiurare futuri procedimenti penali negli USA, è stato seguito con interesse anche dalla FINMA, l'autorità svizzera di sorveglianza sui mercati finanziari che a sua volta aveva aperto un'indagine contro l'istituto ticinese controllato dalle Generali di Trieste. La FINMA, che ha apertamente criticato l'operato della banca (in procinto di passare alla brasiliana BTG Pactual) accusata di aver aiutato contribuenti americani a evadere le tasse, spera ora che altre banche elvetiche giungano a un'intesa con il fisco statunitense.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.