La televisione svizzera per l’Italia

Fino alla fine dell’anno, la Svizzera si nutrirà solo di cibo importato

mucche
Keystone / Christian Beutler

L'agricoltura elvetica produce solo il 52% degli alimenti consumati dalla popolazione ed è quindi come se, da domani, ci si dovesse basare solo sulle derrate di importazione: scatta cioè il "Food Overshoot Day".

Oggi per la Svizzera è il “Food Overshoot Day”, ciò significa che da un punto di vista statistico termina l’auto approvvigionamento della Confederazione. L’agricoltura elvetica produce infatti solo il 52% delle derrate alimentari di cui ha bisogno la popolazione, per cui “da domani sino alla fine del 2024 la Svizzera si nutrirà solo di importazioni”, scrive l’Unione svizzera dei contadini (USC).

Il cosiddetto “tasso di auto approvvigionamento lordo” non ha cessato di diminuire negli ultimi anni, continua l’USC. Sino alla fine dell’anno, la popolazione elvetica dipenderà dall’importazione di prodotti alimentari e quindi dall’estero. La Svizzera fa dunque parte dei maggiori importatori netti al mondo, afferma l’USC.

Vicini più autosufficienti

L’associazione di categoria degli agricoltori fa un paragone con la Germania, che con un tasso di autosufficienza dell’88% potrebbe accontentarsi dei prodotti indigeni fino al 1° novembre. La Francia, invece, produce cibo a sufficienza per soddisfare il fabbisogno della popolazione.

Tuttavia, scrive l’USC, la produzione alimentare ha un impatto ecologico all’estero maggiore che in Svizzera. Secondo un rapporto dell’Ufficio federale dell’ambiente, il 75% dell’impronta ecologica associata al consumo in Svizzera è generata all’estero.

“Meno produciamo da noi e più importiamo, maggiore è il nostro impatto sul pianeta”, insiste l’associazione. “Proteggere le nostre aree di produzione e dell’agricoltura indigena è quindi importante non solo per la sicurezza alimentare, ma anche per ragioni ambientali globali”.

Attualità

quadri

Altri sviluppi

Sindaca di Zurigo: “Avremmo dovuto reagire prima” sulla collezione Bührle

Questo contenuto è stato pubblicato al La sindaca di Zurigo Corine Mauch critica con il senno di poi la mancanza di una visione critica sulle opere della collezione Bührle. "Avremmo dovuto reagire prima", afferma la politica del PS in un'intervista a CH Media.

Di più Sindaca di Zurigo: “Avremmo dovuto reagire prima” sulla collezione Bührle
Shannen Doherty

Altri sviluppi

Addio Brenda!

Questo contenuto è stato pubblicato al Shannen Doherty, star di Beverly Hills 90210, è morta all'età di 53 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Lo annuncia il magazine People.

Di più Addio Brenda!

Altri sviluppi

Swatch, cifre in calo nel primo semestre

Questo contenuto è stato pubblicato al Primo semestre dell'anno molto difficile per Swatch. Dopo la buona performance del 2023, la domanda di orologi si è indebolita, soprattutto in Cina, e il crollo si è fatto sentire anche nel settore della produzione.

Di più Swatch, cifre in calo nel primo semestre
L'ex presidente è stato colpito di striscio a un orecchio.

Altri sviluppi

Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito all'attentato a Donald Trump avvenuto nel corso di un comizio e nel quale l'ex presidente statunitense è stato leggermente ferito a un orecchio, la politica elvetica ha reagito. La presidente Viola Amherd si è detta "scioccata".

Di più Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera
trump dopo la sparatoria

Altri sviluppi

Pugno alzato, sangue sul volto: la foto di Donald Trump diventa iconica

Questo contenuto è stato pubblicato al Pugno alzato, rivolo di sangue sul volto, la bandiera degli Stati Uniti dietro di lui e il cielo azzurro della Pennsylvania sullo sfondo. E' già diventata iconica la fotografia condivisa su 'X' dal figlio dell'ex presidente americano, Donald Trump Jr.

Di più Pugno alzato, sangue sul volto: la foto di Donald Trump diventa iconica

Altri sviluppi

Albert Rösti si oppone all’evacuazione delle persone che vivono nelle valli

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministro dell'ambiente Albert Rösti è contrario al trasferimento delle persone che vivono nelle valli alpine a causa del maltempo. "Ciò equivarrebbe a privarli del loro ambiente abituale senza sapere quando e dove si verificherà la prossima catastrofe", afferma.

Di più Albert Rösti si oppone all’evacuazione delle persone che vivono nelle valli
Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR