La televisione svizzera per l’Italia

Fattoria degli orrori, assolto veterinario turgoviese

Un agente durante le operazioni di sgombero della fattoria incriminata.
Un agente durante le operazioni di sgombero della fattoria incriminata. KEYSTONE/KEYSTONE/Ennio Leanza

L'ex responsabile dell'Ufficio di veterinaria cantonale è stato assolto in primo grado a Frauenfeld da tutte le accuse legate a presunte omissioni nella vicenda della "fattoria degli orrori" di Hefenhofen. Prosciolti anche tre suoi ex collaboratori.

Il Tribunale distrettuale ha stabilito che gli imputati non hanno commesso azioni penalmente rilevanti e, nonostante alcuni errori, il capo dell’Ufficio di veterinaria (oggi in pensione) non è rimasto inattivo, contrariamente a quanto ha sostenuto in aula il Ministero pubblico.

L’ex responsabile cantonale cercò infatti di mettere in pratica dei divieti di allevare animali a Hefenhofen, decisi in seguito alle denunce.

+ Fattoria degli orrori, otto mesi sospesi all’allevatore

Nella vicenda erano tuttavia coinvolti anche altri uffici cantonali e la responsabilità principale in questa vicenda è semmai da attribuire, secondo i giudici, ai vertici del Dipartimento dell’interno e dell’economia.

Richiesta di risarcimento respinta

Al processo che si è aperto alla fine di gennaio, la pubblica accusa chiedeva per l’imputato principale una condanna a 18 mesi con la condizionale per i reati di abuso di autorità, favoreggiamento e maltrattamento di animali per omissione, amministrazione infedele e diminuzione dell’attivo in danno dei creditori.

Ai quattro imputati veniva in particolare rimproverato di avere effettuato vari controlli nella fattoria di Hefenhofen solo dopo aver preventivamente informato l’allevatore. Sarebbero inoltre intervenuti troppo tardi, rendendosi complici di maltrattamenti e avrebbero omesso di far rispettare i divieti emessi già a partire dal 2013 nei confronti dell’allevatore.

Il legale dell’allevatore, che ha preso parte al processo come accusatore privato, si è visto invece negare un risarcimento per il danno economico subito dal suo assistito a causa dello sgombero deciso “senza una base legale.

La “fattoria degli orrori”

Il caso riguardante la cosiddetta “fattoria degli orrori” era scoppiato il 3 agosto 2017, dopo che il Blick aveva pubblicato le foto di animali lasciati morire di fame o maltrattati, scattate da una ex dipendente dell’allevatore.

Quattro giorni più tardi, diversi attivisti per la protezione degli animali avevano assistito a debita distanza allo sgombero forzato della fattoria deciso dalle autorità locali. Erano stati prelevati circa 250 animali tra cavalli, maiali, bovini, pecore, capre e lama e novanta cavalli erano poi stati venduti all’asta.

Dalle indagini era emerso che nel corso degli anni l’allevatore si era opposto a tutte le decisioni delle autorità e sono stati quindi chiamati in causa anche l’ex veterinario cantonale e i collaboratori, per i quali è stato aperto un procedimento separato.

Allevatore assolto dalle principali imputazioni

Nel marzo di un anno fa, al processo di prima istanza, il proprietario dell’allevamento è stato assolto, per mancanza di prove “utilizzabili”, da molti dei capi d’imputazione di cui era incriminato e condannato a otto mesi di detenzione con la condizionale.

Il Tribunale distrettuale di Arbon (TG) aveva accertato diverse negligenze da parte dell’imputato, ma aveva dato in gran parte ragione alla difesa per quel che riguarda i vizi di forma, criticando l’operato sia del Ministero pubblico che dell’Ufficio cantonale di veterinaria. Il Ministero pubblico ha già presentato ricorso in appello per quella sentenza.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR