Navigation

Neurochirurgo sotto inchiesta in Ticino

Un neurochirurgo attivo in una struttura privata del Luganese è finito sotto inchiesta per il sospetto che tra il 2018 e il 2019 abbia effettuato delle operazioni fasulle. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 agosto 2019 - 19:00
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


I reati ipotizzati dalla magistratura nei suoi confronti vanno dalle lesioni gravi intenzionali alla truffa alle assicurazioni.

A far emergere la vicenda, rilevata dal domenicale Caffè grazie a una delle persone che si erano affidate al medico, sono stati in particolare quattro pazienti. Dopo essere stati operati, hanno continuato ad avere dei dolori e si sono rivolti al centro specializzato dell'ospedale Civico di Lugano. Hanno così appreso di non essere stati realmente operati dal neurochirurgo, nonostante fossero finiti in sala e avessero subito delle incisioni sul corpo.

Quanto emerso dalle verifiche al Neurocentro è stato portato all'attenzione del medico cantonale Giorgio Merlani che, a sua volta, ha segnalato i fatti alla procura che ha avviato le indagini penali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.