Navigation

Espulsione stranieri, "l'iniziativa viola la Costituzione"

La consigliera federale trova migliore il controprogetto del Parlamento tvsvizzera

La ministra Simonetta Sommaruga invita a votare no al testo UDC per l’allontanamento dei criminali stranieri dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2015 - 12:46

L'iniziativa dell'UDC (destra) in votazione il prossimo 28 febbraio chiamata "Per l'attuazione dell'espulsione degli stranieri che commettono reati" non rispetta il principio costituzionale di proporzionalità e pertanto va respinta. Lo ha dichiarato oggi in conferenza stampa la consigliera federale Simonetta Sommaruga, responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Sempre secondo la ministra, il controprogetto indiretto approvato dal Parlamento rappresenta invece una soluzione migliore che risponde alle attese dei cittadini e tiene conto dei principi fondamentali. Il testo prevede infatti l'espulsione automatica per un periodo dai 5 ai 15 anni per tutti coloro che si macchiamo di crimini punibili con oltre tre anni di carcere. Ma al fine di rispettare la proporzionalità, il giudice potrà decidere altrimenti se il provvedimento dovesse porre il condannato in una situazione grave e l'interesse pubblico non dovesse prevalere su quelli del diretto interessato a rimanere in Svizzera.

L'iniziativa targata UDC è invece stata lanciata per obbligare le Camere federali ad accelerare l'applicazione della precedente iniziativa sull'allentamento dei criminali stranieri, approvata da popolo e cantoni nel 2010.

Una sorta di cortocircuito istituzionale: "il popolo è chiamato ad esprimersi una seconda vola su un tema simile a uno già votato ancor prima che il legislatore abbia presentato un progetto di applicazione per la prima iniziativa".

Per la Consigliera federale, inoltre, se approvata l'iniziativa di attuazione rischia di incrinare ulteriormente i rapporti con l'Unione europea, rendendo ancora più difficile cercare una soluzione per applicare l'iniziativa "contro l'immigrazione di massa".

ATS/ludoC

La consigliera federale trova migliore il controprogetto del Parlamento keystone

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.