Navigation

Il governo svizzero vara un 'piano B' per la Borsa

Il logo della società che gestisce la Borsa svizzera, nell'atrio della borsa di Zurigo. Keystone

Se l'UE non rinnoverà alla piazza finanziaria svizzera il riconoscimento dell'equivalenza, le piazze europee dovranno a loro volta ottenere un riconoscimento per poter continuare a negoziare titoli svizzeri. Lo ha deciso venerdì il Consiglio federale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2018 - 20:55
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 08.06.2018)

Tale riconoscimento supplementare sarebbe rilasciato dalla FINMALink esterno, l'autorità di sorveglianza dei mercati finanziari, e diventerebbe una condizione necessaria per gli operatori esteri dal prossimo 1° dicembre.

Il consigliere federale Ueli Maurer, di fronte alla stampa, lo ha descritto come un piano BLink esterno. Il piano A sarebbe che l'UE riconoscesse l'equivalenza definitivamente e non soltanto per un anno, come ha invece deciso a fine 2017.

Una "discriminazione ingiustificata"

"La Commissione europea, benché la Borsa svizzera ottemperi a tutti i criteri stabiliti, ha deciso di legare il riconoscimento sine die a progressi nel dossier riguardante il futuro accordo istituzionale tra Berna e Bruxelles", ha ricordato Maurer.

Contenuto esterno

Il ministro delle finanze ha sottolineato come il governo sia stato irritatoLink esterno da quella che definì una discriminazione ingiustificata.

Dato anche il nervosismo degli operatori nazionali, ha quindi deciso di varare un piano B ricorrendo al diritto d'urgenza (e cioè con un'ordinanza ai sensi dell'art 184Link esterno della Costituzione federale).

La reazione pacata di Bruxelles

Interpellata dall'agenzia telegrafica svizzera ats, la Commissione europea si è detta a conoscenza dell'annuncio del Consiglio federale e ha detto che la priorità resta progredire in tutti i settori di negoziato per ottenere un accordo istituzionale con la Svizzera.

Contenuto esterno

Dal canto suo SIX, che gestisce la piazza zurighese, riferisce di sostenere in linea di massima l'approccio del governo ma non vuole esprimersi prima di aver esaminato a fondo le implicazioni del piano B.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.