Navigation

Epatite C, iniettato il primo vaccino in Svizzera

San Gallo partecipa al programma di sperimentazione condotto a livello europeo

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2015 - 21:40

Sono 80'000 le persone infettate dal virus dell'epatite C, una patologia che può manifestare complicazioni gravi. All'ospedale di San Gallo, che partecipa a una sperimentazione condotta a livello europeo coordinato dall'Università di Oxford, ieri è stato iniettato per la prima volta in Svizzera il vaccino, precedentemente testato su animali, contro questa patologia infettiva. Prossimamente il farmaco, su cui sono poste molte speranze nella lotta contro l'epatite C, sarà inoculato su altre sei persone nella Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.