Navigation

Energia, quali i contraccolpi dopo il voto di ieri?

L'UDC attacca la strategia del governo che si distanzia dall'iniziativa bocciata dalle urne

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2015 - 23:16

I Verdi liberali si stanno leccando le ferite dopo la disfatta della loro iniziativa, che voleva sostituire l'IVA con una tassa sull'energia, affossata dal 92 per cento degli svizzeri che si sono recati alle urne. Un esito definito "brutale".

Adesso c'è chi si chiede se questo risultato avrà delle conseguenze sull'intera strategia energetica del Consiglio federale fondata sulle energie rinnovabili che tra i suoi punti qualificanti prevede anch'essa una tassa, seppur contenuta, sul consumo di energia. Ma davanti alle nostre telecamere Doris Leuthard ha detto oggi che le due situazioni non possono essere comparate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.