Einsiedeln Scontri tra la polizia e gli irriducibili del carnevale

Maschera da diavolo e forca posate accanto al muro di una casa; si intravvede la persona in costume

Un diavolo attende il corteo d'apertura del carnevale di Einsiedeln il 24 febbraio 2020 [immagine d'archivio].

Keystone / Urs Flueeler

La polizia cantonale di Svitto è stata aggredita lunedì sera ad Einsiedeln dopo aver interrotto i festeggiamenti di una cinquantina di persone che si erano ritrovate per il carnevale. Mentre tentavano di disperdere l'assembramento, gli agenti sono stati presi di mira con bottiglie e petardi. Due persone in stato di ebbrezza sono state prese in custodia e hanno passato la notte in centrale. Una di esse è detenuta anche per aver commesso danni alla proprietà.

Molti dei giovani festanti avevano decisamente alzato il gomito, "non rispettavano in alcun modo le misure di protezione legate al coronavirus" e non si sono allontanati nonostante l'intimazione delle forze dell'ordine, indica in una nota la polizia svittese. Polizia che rende noto di essere intervenuta in diverse zone del cantone per porre fine a festeggiamenti abusivi. Tuttavia, nelle altre circostanze "la maggior parte delle persone si è mostrata ragionevole e gli assembramenti si sono rapidamente dispersi" dopo gli appelli.

Ad Einsiedeln, lunedì mattina alle 9, si erano riunite già riunite oltre mille persone per il Sühudi Umzug, il tradizionale corteo che ogni anno apre il carnevale il giorno precedente il martedì grasso e si svolge senza comitato organizzatore, in modo spontaneo. La folla si è dispersa quando la polizia ha iniziato a infliggere multe per aver infranto il divieto di manifestazioni imposto dalla situazione sanitaria.

Due agenti di polizia di schiena in una piazza piena di gente in maschera

L'uniforme è vera. Gli agenti, dopo aver cercato il dialogo, hanno iniziato dispensare multe. Ne sono bastate un centinaio per disperdere la folla.

RSI-SWI

Il caso Gmür. L'aver partecipato a una manifestazione spontanea ha procurato parecchie critiche al consigliere nazionale (deputato alla camera bassa del parlamento federale) Alois Gmür (Alleanza del centro).

Gmür è un personaggio pubblico e deve dare il buon esempio, ha dichiarato il presidente del Centro Gerhard Pfister ai giornali Tages-Anzeiger e Blick. Il suo comportamento, oltre a non rispecchiare le posizioni del partito, non corrisponde alle raccomandazioni prescritte alla popolazione in tempi di coronavirus, ha detto. Gli ha fatto eco la consigliera agli Stati (deputata alla camera alta) Andrea Gmür-Schönenberger: il carnevale è un momento di gioia esuberante durante il quale talvolta si spegne la mente, ma ciò non giustifica tutto.

Nel servizio RSI, le immagini delle manifestazioni e alcune voci da Einsiedeln.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 16.02.2021)

Parole chiave