Effetto Covid Turismo a picco anche a maggio

Ginevra dall alto con il suo famoso getto d acqua.

In maggio la diminuzione in assoluto più marcata è stata quella registrata a Zurigo (-91,5%), seguita da Ginevra (-90,8%).

Keystone/ Valentin Flauraud

Crollo del turismo in Svizzera nel mese di maggio, sempre sulla scia delle restrizioni legate al coronavirus: i pernottamenti sono stati 625'054, in flessione del 79,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

In Ticino la contrazione è stata del 72,3%, mentre i Grigioni hanno "contenuto" il crollo (-46,4%). Si è tuttavia registrato un miglioramento rispetto al mese di aprile, nel quale la diminuzione in tutta la Confederazione si era attestata al -92,4% (-93% in Ticino) rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Stando ai dati provvisori diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica (Ust), nel quinto mese dell'anno la diminuzione in assoluto più marcata è stata quella registrata a Zurigo (-91,5%), seguita da Ginevra (-90,8%). Appenzello Interno, cantone che vive di un turismo prettamente interno, ha invece registrato solo un leggero calo del 4,6%. A titolo di paragone, il cantone che ha registrato la seconda minor flessione è quello dei Grigioni.

Nei primi cinque mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo del 2019, il calo dei pernottamenti registrato in Svizzera è del 43,8%, a poco meno di 8,5 milioni di notti. Tra gennaio e maggio il crollo più considerevole l'ha registrato il Ticino, con una diminuzione dei pernottamenti pari al 62,3%. Seguito, a debita distanza, da Lucerna (56,8%), mentre reggono tutto sommato bene i Grigioni (-21,1%).

Nella Confederazione, la flessione in maggio ha interessato ovviamente più gli stranieri (-95,2%), che gli ospiti indigeni (-56,2%). La maggior parte degli ospiti di altre nazionalità proveniva dalla Germania.

Un riassunto nel servizio del Tg:



tvsizzera.it/fra con RSI

Parole chiave