Navigation

L'Usam chiede la fine immediata delle restrizioni

Secondo il presidente dell'Usam, il governo è prigioniero di scenari ansiogeni e paralizzanti. Keystone / Elia Bianchi

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), organizzazione ombrello delle piccole e medie imprese (PMI) elvetiche, ha chiesto lunedì la fine immediata del lockdown, presentando a Berna la sua "valutazione critica della situazione".

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 aprile 2021 - 13:01

Secondo l'Usam, l'approccio del governo elvetico alla crisi si basa quasi esclusivamente su considerazioni sanitarie e non tiene conto di fattori importanti come la politica economica e le questioni sociali.

La crisi del coronavirus è uno "stress test" per la Svizzera, la sua economia e il suo sistema socio-politico, ha dichiarato il direttore dell'Usam, Hans-Ulrich Bigler. La vera sfida nell'affrontare la pandemia "è soppesare obiettivi contrastanti e trovare un equilibrio tra gli interessi in gioco". 

Test a tappeto, vaccinazioni, tracciamento dei contatti e piani di protezione sono gli elementi che rendono possibile una fine immediata del lockdown, secondo la deputata del Partito liberale radicale e vicepresidente dell'Usam Daniela Schneeberger.

Contenuto esterno

Queste misure - ha ricordato Schneeberger - fanno parte del piano per una "ripartenza intelligente" ("smart restart") che l'Usam aveva già elaborato durante il primo lockdown e che sono state approvate dal Parlamento e inserite nella legge Covid.

Per il ticinese Fabio Regazzi, presidente dell'Usam e consigliere nazionale del Partito popolare democratico, l'esecutivo è prigioniero di scenari ansiogeni e paralizzanti. "Riteniamo che la task force scientifica faccia parte del problema e non della soluzione", ha inoltre detto Regazzi.

Il governo nei prossimi giorni dovrebbe comunicare le sue decisioni su eventuali allentamenti che, in tutta probabilità, saranno più graduali di quanto auspicato dall'Usam.

E mentre in Svizzera si fanno ipotesi e si valutano i possibili scenari, nel Regno Unito molte attività hanno potuto riaprire. Anche in Italia lunedì si è tornati a una situazione meno restrittiva, con quasi tutto il Paese che torna in zona arancione. 

Vediamo i dettagli nel servizio del Telegiornale:  

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 12.04.2021)

Contenuto esterno


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       


 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.