Navigation

Ecco come 500 chili di cocaina sono arrivati alla Nespresso

Il container con il caffè destinato alla Nespresso contenente però anche 500 g di cocaina. Keystone

Nascosti in una ventina di sacchi di caffè, 500 chili di cocaina sono stati scoperti alla fabbrica Nespresso di Romont nel canton Friburgo a inizio maggio. Si è trattato di un errore di consegna. Molti indizi fanno pensare che la cocaina sia arrivata al porto di Anversa, in Belgio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 luglio 2022 - 09:30
Falò, RSI

Il porto di Anversa è un luogo di superlativi. Oltre 60'000 dipendenti, 900 aziende e decine di chilometri di banchine. Ogni giorno, navi gigantesche scaricano migliaia di container provenienti da tutto il mondo. Anversa è uno dei porti più grandi d'Europa, ma anche il più importante punto di ingresso per la droga. Nel 2021, la dogana belga ha sequestrato la cifra record di 89 tonnellate di droga.

Non sorprende che la droga trovata alla Nespresso sia passata attraverso il porto di Anversa. Ricordiamo che lunedì 2 maggio, alcuni sacchetti di cocaina sono finiti nella fabbrica Nespresso di Romont. Secondo una fonte interna, la linea di produzione automatica è stata fermata. I dipendenti hanno scoperto una polvere bianca al posto del caffè consegnato.

Il dipartimento di comunicazione di Nespresso ha dichiarato che la droga "non è entrato in contatto con alcun prodotto o attrezzatura di produzione utilizzata per fabbricare i prodotti Nespresso".

Allertata dai dipendenti di Nespresso, la polizia di Friburgo, assistita da una ventina di funzionari doganali, ha scoperto un totale di 20 sacchi da 25 chili di cocaina. La cocaina era nascosta in sacchi di caffè provenienti dal Brasile. In totale, gli ispettori ne hanno sequestrato mezza tonnellata. La purezza della droga è molto elevata, circa l'80%, con un valore di mercato di 50 milioni di franchi svizzeri.

Contenuto esterno

Per Ramon Mooser, capo della squadra antidroga di Friburgo, si stanno vagliando tutte le ipotesi. L'indagine è appena iniziata, ma la pista della rete friburghese sembra improbabile. Secondo diversi esperti, la grande quantità di droga e il modus operandi suggeriscono che i 500 chili di cocaina sarebbero dovuti essere recuperati ben prima della fabbrica Nespresso da un gruppo criminale che opera a livello europeo.

Per risalire alla rete criminale e capire perché la droga è arrivata a Romont, è necessario ripercorrere il percorso dei contenitori di caffè. La polizia ha ispezionato cinque container arrivati dal Brasile lo stesso giorno, compreso quello contenente la droga.

Partenza dal Brasile il 21 marzo

Il 21 marzo, i container hanno lasciato il Brasile dal porto di Santos. Sono stati caricati sulla nave Cap San Maleas, un gigante dei mari in grado di trasportare 9'600 container per traversata. Il viaggio in mare è durato 24 giorni. La nave ha raggiunto Anversa a metà aprile. È qui che i container Nespresso vengono scaricati e trasportati in Svizzera. È ad Anversa che il contenitore Nespresso contenente la droga avrebbe dovuto essere rubato. Un furto di container andato male. Almeno questa è la teoria avanzata da Paul Meyer, uno dei più noti spacciatori di droga del Belgio.

Paul Meyer e i suoi complici furono soprannominati dalla stampa belga la "banda dei 700 milioni", in riferimento al valore della droga e agli affari fatti con il contrabbando nel porto di Anversa. L'uomo ha scontato sette anni di carcere. È stato rilasciato nel 2019. Da allora, spiega di aver cambiato vita, pur rimanendo attivo nel settore dell'import-export, ma in modo legale. 

All'insaputa dei proprietari di Nespresso

"500 chili di cocaina importati dal Brasile, sono chiaramente dei professionisti. Dovete avere una grande organizzazione alle spalle. Per l'ex contrabbandiere, la droga era probabilmente nascosta in Brasile in un container all'insaputa dei proprietari del caffè. Poi i complici avrebbero dovuto ritirarlo ad Anversa. "Devi prendere l'intero contenitore, non puoi venire di notte e prendere la droga dal contenitore. Troppo pesante, troppo visibile".

Nella sua vita precedente, Paul Meyer ha organizzato per anni operazioni di questo tipo. Ha importato centinaia di chili di droga attraverso il porto. Per lui, il contenitore Nespresso sarebbe dovuto sparire ad Anversa. Sono bastati alcuni complici tra i portuali, l'amministrazione e un autista per recuperare il container. Se tutto fosse andato bene, Nespresso si sarebbe semplicemente accorta della perdita di un contenitore, senza sapere che era stato usato per trasportare droga.

"Qualcosa deve essere andato storto, un errore di consegna, un problema con l'autista. Non c'è modo di saperlo, ma qualcuno dovrà pagare per questo errore". Finora non è stato arrestato nessuno e le indagini sono ancora in corso. 
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?