Navigation

Due lingue "straniere" alle elementari

I direttori cantonali d'accordo nel garantire l'insegnamento di una seconda lingua nazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2014 - 22:57

Alle scuole elementari vanno insegnate due lingue straniere, di cui almeno una nazionale. Questo è quanto è stato ribadito con una netta maggioranza dalla Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione riunita a Basilea. E ai lavori ha partecipato anche il consigliere federale Alain Berset che ha ribadito la posizione del governo: se i cantoni (in particolare quelli germanofoni) non rispetteranno l'articolo costituzionale sulle lingue nazionali, dovrà intervenire, pur nel rispetto delle prerogative locali, la Confederazione. A tutto beneficio delle lingue minoritarie, francese e italiano. Preoccupano insomma le iniziative, come quella nel Canton Turgovia, che chiedono, attraverso atti parlamentari, l'abolizione dell'insegnamento del francese in favore del solo inglese. Ne va della coesione federale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.