La televisione svizzera per l’Italia

Burqua il giorno dopo, tra reazioni e il prevedibile ‘caos’ legislativo

Due donne a spasso per le strade di Ginevra, di cui una con il niqab e l altra con l hijab.
Un'immagine colta a Ginevra. Il settore turistico teme la perdita di turisti proveniente dai ricchi paesi arabi. Keystone / Salvatore Di Nolfi

L'iniziativa 'anti burqa' è stata accettata domenica dai cittadini elvetici a livello federale, ma non è ancora chiaro se vi sarà un'unica legge o invece ce ne saranno 26, una per ogni cantone. Intanto il settore turistico teme un calo della presenza dei ricchi ospiti dei paesi arabi.

La Confederazione, ha subito chiarito la Consigliera federale Karin Keller-Sutter, non vuole immischiarsi nell’applicazione della nuova legge. Sono dunque altamente ipotizzabili 26 leggi diverse in tutta la Svizzera. Il comitato dei promotori dell’iniziativa chiede regole uguali in tutto il Paese, ma al momento non è certo che si possa raggiungere questo obiettivo.

La Confederazione non vuole immischiarsi nell’applicazione: ipotizzabili 26 leggi diverse in tutta la Svizzera

Burqa, niqab, passamontagna tra i tifosi… non c’è dubbio, saranno proibiti. Il margine d’interpretazione c’è, però, sulle eccezioni (per esempio mascherine chirurgiche, caschi, carnevali). Ma chi dovrà definirle? “Su questi dettagli non vogliamo 26 soluzioni cantonali diverse”, spiega all’indomani della vittoria alle urne, Anian Liebrand, direttore del comitato di Egerkingen, che ha lanciato l’iniziativa.

Il popolo, dal suo punto di vista, ha detto sì a una soluzione federale, ma su questo punto la ministra di giustizia, Karin Keller-Sutter, ha precisato che non lo ritiene un compito della Confederazione. La competenza in materia di polizia resta in mano ai cantoni, che hanno due anni di tempo per redigere le normative.

Un’alternativa per una soluzione identica in tutto il Paese può essere un concordato, ma i direttori cantonali di giustizia non hanno ancora affrontato il punto. Aldilà dei ruoli, restano aperte questioni sui contenuti. L’iniziativa prevede eccezioni esclusivamente per motivi di salute, sicurezza, condizioni climatiche e usanze locali. Tra queste ultime rientrano i carnevali ma non, ad esempio, le mascotte pubblicitarie o i travestimenti degli artisti.

Aldilà delle eccezioni, le leggi cantonali dovranno regolare le sanzioni: il comitato di Egerkingen auspica che si prenda come modello la legge già esistente in Ticino, con multe tra i 100 e i 10’000 franchi.

Contenuto esterno


Reazioni negative dal settore turistico

Il risultato dell’iniziativa antiburqa, visto quanto capitato in Ticino negli ultimi anni, con il calo dei ricchi ospiti dei paesi arabi, non piace al turismo svizzero.

Il Ticino già nel 2013 aveva fatto da apripista accogliendo un’analoga normativa cantonale. Dopo quel voto ha perso il 30% dei visitatori provenienti dagli Stati del Golfo.

La Federazione svizzera del turismo commenta l’esito del voto, sostenendo che è da deplorare: il settore, che sta già soffrendo molto per la crisi del coronavirus, non può permettersi ulteriori complicazioni, ha affermato la direttrice Barbara Gisi. I ricchi ospiti dei paesi del Golfo sono ormai persi. Secondo Gisi l’esempio del Ticino dimostra che il divieto del burqa ha un impatto sul turismo.


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno
Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Inserite il vostro indirizzo e-mail, selezionate una delle newsletter qui sotto e cliccate su “Iscriviti”. Quindi fare clic su “Abbonati”.

Le ultime notizie

Giornaliero

Ogni giorno lavorativo, un/a giornalista di TVS tvsvizzera.it raccoglie per voi, in un formato compatto, i più recenti sviluppi e le notizie dalla Svizzera, in modo che possiate restare aggiornati/e su quello che sta accadendo.

Settimanale

Un mosaico di notizie selezionato in maniera automatica in base a quelle che più hanno suscitato l’interesse dei lettori nel corso della settimana precedente.

Ricevere una notifica sui nuovi articoli

Settimanale

La politica, la società, gli avvenimenti, l’economia e più in generale tutta l’attualità rossocrociata in una raccolta di articoli che espongono i fatti e forniscono letture diversificate e analisi complete dei temi trattati.

Mensile

La linea di confine che separa la Svizzera dall’Italia è lunga quasi 750 chilometri. A cavallo del suo tracciato avvengono scambi, transitano persone, emergono storie,… che potrete leggere grazie a questa newsletter.

Mensile

L’Italia vista da un punto di vista elvetico: nei fatti di attualità, nelle sue peculiarità, nelle interazioni con la Svizzera, nelle similitudini e nelle differenze.

Settimanale

In un mondo che corre velocemente, un insieme di pillole su fatti di politica estera e di attualità mondiale che vi permetterà di restare informati.

Mensile

Interviste, approfondimenti, eventi e storie che ruotano intorno alla cultura rossocrociata. Iscrivetevi per ricevere tutti i dettagli direttamente nella casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.



In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR