Navigation

Donne frenate dagli impegni familiari

La direttrice del Museo nazionale di Zurigo, la ticinese Denise Tonella. © Keystone / Gaetan Bally

Le donne rappresentano circa la metà delle persone altamente qualificate in Svizzera ma il loro tasso di occupazione è inferiore rispetto a quello degli uomini: solo il 40% delle ore di lavoro sono infatti svolte da donne.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 novembre 2021 - 21:01
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

Lavorare e crescere i figli occupandosi delle faccende domestiche ha ancora una forte influenza sulle scelte di carriera delle donne laureate. Secondo uno studio pubblicato martedì dall'istituto SotomoLink esterno (Donne nelle libere professioni), più di un terzo di loro aumenterebbe le ore di lavoro se le condizioni lo permettessero.

Nella fascia di età tra i 25 e i 64 anni, la proporzione di donne con un diploma universitario o tecnico è ormai identica a quella degli uomini. È passata dal 18% al 29% tra il 2010 e il 2019, mentre quella degli uomini altamente qualificati è aumentata dal 23% al 30%. Eppure, solo il 40% delle ore di lavoro sono svolte da donne.

Tra 25 e 29 anni, il tasso di occupazione delle donne laureate non differisce da quello degli uomini. Il divario si allarga però non appena fondano una famiglia. E una volta che i figli sono grandi, spesso non aumentano la loro percentuale di impiego.

Sia gli uomini che le donne interpellati concordano sul fatto che interruzioni prolungate dal mondo del lavoro hanno effetti negativi sulla carriera. Un altro aspetto sollevato riguarda la percentuale minima: le donne in media credono che si debba avere un impiego almeno al 55% per farlo bene, mentre gli uomini fissano l'asticella al 65%. Nel mondo reale, il tasso di occupazione delle donne supera di poco il 60% mentre quello degli uomini si aggira attorno all'85%.

Contenuto esterno

Uomini vs donne

L'indagine mostra che la gestione delle faccende a casa svolge un ruolo importante, ma le opinioni differiscono tra i sessi. Per il 63% delle donne intervistate, condividere le responsabilità domestiche e di cura dei figli contribuirebbe a un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Fra gli uomini, solo il 35% ha questa opinione.

Per realizzare il sondaggio, l'istituto Sotomo ha intervistato oltre 5'700 donne e uomini con un diploma universitario. Lo studio è stato commissionato dall'Unione svizzera dei liberi professionisti (USLP).


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.