Navigation

Malati di shopping

Comprare può diventare una dipendenza dalla quale è particolarmente difficile uscire nella società dei consumi. Il servizio della Radiotelevisione svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2018 - 09:13
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 20.02.2018)
Contenuto esterno


Alcol, tabacco, gioco d'azzardo, internet. Sono alcune delle "droghe" legali contro le quali ha messo recentemente in guardia l'associazione Dipendenze svizzeraLink esterno. Secondo quest'ultima, la scienza e la politica spesso mettono in secondo piano gli effetti collaterali di determinate sostanze o attività. 

+I prodotti che possono creare dipendenza si stanno moltiplicando.

Una pericolosa dipendenza è quella dello shopping compulsivo. Chi ne soffre non riesce ad impedirsi di fare acquisti anche quando non ne avrebbe oggettivamente bisogno. Un fenomeno rafforzato da internet che permette di comprare senza dover uscire di casa e senza mettere mano al portafoglio. "Basta inserire i numeri della carta", ha spiegato alla Radiotelevisione svizzera una persona che soffre di questa dipendenza, che spesso porta all'indebitamento.

La maggior parte di chi fa shopping in modo compulsivo ha anche un rapporto malsano con altre sostanze come droghe, alcol o medicamenti. Uscirne può essere difficile quando la società ti spinge a consumare. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.