Navigation

Perché non abbiamo (più) il voto elettronico

© Keystone / Peter Schneider

In Svizzera sono state fatte più di trecento prove, poi lo stop. E il futuro è nelle mani della Posta, che in passato ha già deluso le aspettative.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2020 - 11:35
Francesco Gabaglio, Rsinews

A fare il primo passo era stato il canton Ginevra, con un sistema sviluppato in proprio e con denaro pubblico. Zurigo ne aveva scelto un altro, creato dall’azienda americana Unisys. Neuchâtel, infine, si era affidata a ScytlLink esterno, società spagnola leader nel settore.

Tre cantoni, tre sistemi. Altri ne hanno poi adottato uno tra questi, totalizzando, negli anni, circa 300 prove di voto.

Tre sistemi sperimentati, tre sistemi falliti. Zurigo è stata la prima a gettare la spugna, nel 2016. I criteri di sicurezza imposti l’anno prima dalla Confederazione avrebbero richiesto adeguamenti del codice giudicati economicamente proibitivi. Nel 2018 è il turno di Ginevra, che abbandona la corsa con motivazioni simili.

Sul sistema di Neuchâtel, invece, mette gli occhi la Posta, che nel 2016 inizia a collaborare con Scytl per fornire ai Cantoni una soluzione pronta all’uso. Ma nel 2019 questo sistema viene bucato dagli hackerLink esterno durante un test pubblico d'intrusioneLink esterno partito male e finito peggio: la Posta ferma il sistema, la Confederazione rinuncia a rendere l’e-voting un canale di voto ordinario e sospende la fase sperimentale.

Contenuto esterno

Ora è il momento di riorganizzarsiLink esterno: una commissione internazionale di esperti, tra i quali alcuni degli hacker protagonisti del test del 2019, si è riunita quest’estate su mandato della Cancelleria federale per discutere e ridefinire le esigenze delle future fasi sperimentali. La Confederazione dovrà ora prendere posizione sui risultatiLink esterno. La Posta, nel frattempo, ha acquistato Link esternoil codice di Scytl, fallita a maggio 2020, e sta continuando a svilupparloLink esterno indipendentemente con un nuovo gruppo di esperti. La nuova versione verrà pubblicata nel 2021.

Un’odissea, insomma. Ma a quale scopo? Secondo le statistiche, nei cantoni che hanno sperimentato l’e-voting la partecipazione non è stata più alta del solito: dopo un’iniziale crescita il numero di votanti è tornato ai livelli precedenti. Ma poco importa, secondo Nenad Stojanović, professore di scienze politiche all’Università di Ginevra: “Bisogna fare ciò che è possibile per facilitare alle cittadine e ai cittadini l’espressione democratica. Ogni passo che vada in questa direzione è da accogliere positivamente”. L’e-voting permetterebbe inoltre, secondo Stojanović, di risolvere altri problemi: “Oggi i risultati delle votazioni e delle elezioni non corrispondono al 100% a quello che gli elettori hanno votato. Questo problema si risolverebbe col voto elettronico: avremmo una certezza maggiore sull'affidabilità dei risultati. Ma sempre con la premessa di essere sicuri al 100% che il sistema informatico non possa essere manipolato”.

Le questioni informatiche, però, non sono l’unico ostacolo. “Una volta risolti i problemi tecnici, rimane la questione del volere o no il voto elettronico”, continua Stojanović. “Ci sarà sempre chi, un po’ per partito preso, è contrario a qualsiasi innovazione in questo campo. Come per il voto per corrispondenza, ci vuole un po' di tempo per far sì che questi scetticismi si calmino”.

In effetti negli ultimi anni le opposizioni sono state molte. Ma non sono tutte riducibili al mero conservatorismo: l’anno scorso molte sezioni giovanili dei partiti politici, il settore dell’informatica e dell’hacking, e rappresentanti di tutto lo spettro politico hanno fatto fronte comune nel lanciare un’iniziativa per una moratoria all'e-votingLink esterno. Iniziativa che è stata interrotta, ma che è sintomo di uno scetticismo – o di una cautela – mai così forte e trasversale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.