Mercato del lavoro Disoccupazione, è già effetto coronavirus

Sulla scia del nuovo coronavirus, si registra un netto aumento della disoccupazione in Svizzera: in marzo, il tasso dei senza lavoro è salito al 2,9%, contro il 2,5% di febbraio e il 2,4% del marzo dello scorso anno. Il dato, reso notoLink esterno martedì dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO), è il più alto dal febbraio 2018.

Una donna seleziona una categoria di annunci di lavoro attraverso un terminale video.

Il numero di persone senza lavoro e iscritte agli Uffici regionali di collocamento fa registrare un mini-balzo [immagine d'archivio].

© Keystone / Gaetan Bally

A fine marzo, erano iscritte agli Uffici regionali di collocamento (URC) 135'624 persone, ovvero 17'802 in più del mese precedente. L'incremento su base annua è di 23'283 unità. Anche il valore assoluto è il più alto dal febbraio 2018.

I Grigioni sono in assoluto la regione svizzera che presenta il balzo più forte sia nel raffronto annuo (+1) sia su quello mensile, dato quest'ultimo nel quale invece il Ticino vede la quota di senza lavoro crescere in modo meno marcato di altre regioni del Paese, come Zurigo (+0,5 punti al 2,8%), Ginevra (+0,6 al 4,5%) e il canton Vaud (+0,7 a 3,6%). 

Il Ticino è il cantone col sesto tasso più elevato della Svizzera.

Mini-balzo 

Pur avendo subito un mini-balzo, il tasso di disoccupazione a livello nazionale rimane a livelli contenuti in prospettiva storica. A titolo di confronto, gli ultimi dati di marzo erano stati 3,2% (2015), 3,5% (2016), 3,3% (2017) e 2,8% (2018).

Le quote di senza lavoro registrate dalla SECO sono comunque tradizionalmente basse -rispetto a quelle rilevate dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL)- e non tengono conto di coloro che hanno esaurito il diritto a ricevere prestazioni dell'assicurazione disoccupazione e vivono ad esempio di risparmi o dell'assistenza sociale.

L'OIL che opera attraverso sondaggi, rende nota la sua stima trimestralmente. L'ultima disponibile, pubblicata a metà febbraio, dà la disoccupazione in Svizzera nel quarto trimestre 2019 al 3,9%. Lo scarto fra i dati SECO e OIL suscita spesso acceso dibattito.

Per età e nazionalità

Setacciando nel dettaglio i dati SECO di marzo 2020, emerge che il tasso disoccupazione è cresciuto maggiormente (0,5 punti sul dato mensile e 0,6 su quello annuo) tra gli under 25 (che si attestano al 2,9%) e nella fascia 25-49 anni (3,2%).

I disoccupati di lunga durata (ovvero iscritti agli URC da oltre un anno) sono invece tendenzialmente più anziani. Su 15'244 iscritti, si contavano 156 giovani, 7'454 25-49enni e 7'579 ultra 50enni.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

Leggendo i dati in base alla nazionalità, gli svizzeri presentano una quota di senza lavoro del 2,1% (+0,3 mensile, +0,4 annuo) e gli stranieri del 5,2% (+0,6 e +0,9). 

Nessuna comunità presenta valori inferiori a quelli relativi ai cittadini elvetici. Lo scarto è tuttavia ridotto per tedeschi (3,2%), ma più consistente per gli italiani (5,0%) e i francesi (5,4%).

Parole chiave